“Attenzione: i vostri bambini sono in pericolo”. L’allarme lanciato da Ikea dopo i tanti incidenti con protagonisti i più piccoli: il prodotto incriminato già ritirato dagli scaffali


 

“State attenti: potrebbe essere pericoloso”. A dare l’annuncio è stata la stessa Ikea, l’azienda multinazionale specializzata nella vendita di mobili, complementi d’arredo e oggettistica per la casa. L’annuncio ha anticipato il ritiro dagli scaffali di un prodotto che potrebbe mettere in pericolo la salute dei bambini e che per questo non è più disponibile nei cataloghi. Eventuali clienti che avessero già acquistato l’articolo incriminato sono stati invitati a tornare indietro per restituirlo.

(Continua a leggere dopo la foto)








 

 

Nell’occhio del ciclone è finito il cancelletto “Patrull”, che nasce con l’intento di evitare che i più piccolo possano recarsi indisturbati in zone della casa dalle quali farebbero meglio a rimanere lontani. Recenti segnalazioni hanno però messo in evidenzia i rischi dell’utilizzo dell’oggetto tra le mura domestiche.

(Continua a leggere dopo la foto)





 

Tante, purtroppo, le segnalazioni di incidenti che hanno avuto come sfortunati protagonisti i bambini: a causarli, la caduta caduta della struttura. La multinazionale svedese ha così optato per il ritiro dal mercato: “il meccanismo di bloccaggio non è affidabile e rappresenta quindi un rischio per i bambini piccoli, sebbene i prodotti siano stati testati e approvati secondo le norme vigenti”.

(Continua a leggere dopo la foto)


“Vogliamo offrire prodotti sani e sicuri – si giustifica l’azienda – e pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo. Quando ci vengono segnalati potenziali rischi per la sicurezza legati all’uso dei nostri prodotti, interveniamo subito. Non possiamo accettare il rischio di incidenti durante il gioco, per questo abbiamo deciso di ritirare immediatamente in via precauzionale tutti i cancelletti Patrull”.

“Aiuto, sta morendo”. Attimi di paura all’Ikea, bambino soffoca mangiando le note polpette svedesi. Le urla della madre, poi un dipendente fa qualcosa di davvero sorprendente

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it