“Prima il sesso orale, poi…”. Asia Argento, le pesantissime accuse contro l’attrice


 

Accuse pesantissime quelle rivolte in queste ore ad Asia Argento, tra le prime donne nel mondo del cinema a denunciare la violenza sessuale subita dal produttore Harvey Weinstein e diventata paladina del movimento #MeToo. La notizia emersa e diventata subito virale in rete è infatti quella di un accordo fatto tra la figlia del regista Dario che l’ha portata a pagare 380.000 dollari a Jimmy Bennett, un giovane attore e musicista rock, che disse di essere stato aggredito sessualmente da lei in una camera d’albergo della California anni prima, quando Asia aveva 37 anni e lui solo 17, mentre in California l’età legale per il consenso a rapporti sessuali è di 18 anni. Le affermazioni del ragazzo e la successiva disposizione del pagamento sono contenute in una serie di documenti tra gli avvocati di Asia Argento e di Jimmy Bennett: adesso quelle carte sono state inviate al New York Times tramite e-mail criptata da un indirizzo non identificato e includono anche un selfie, datato 9 maggio 2013, dei due a letto. A riportare i dettagli dell’accaduto è il New York Times. (Continua a leggere dopo la foto)



In una lettera di aprile indirizzata ad Asia Argento, Goldberg confermava i dettagli finali dell’accordo, stabilendo un programma di pagamenti,  definendolo denaro utile “per aiutare Bennett”. “Speriamo che nulla di simile ti capiti di nuovo – continuava Goldberg –  Sei un’autrice potente e stimolante ed è triste che tu viva circondata di individui di merda che cercano di far leva sia sui tuoi punti di forza sia sulle tue debolezze”. Ma per Bennet l’incontro nella camera d’albergo sarebbe stato un momento drammatico. (Continua a leggere dopo la foto)


“Le ricadute della “violenza sessuale” furono così traumatiche da ostacolare il lavoro e ridurre le entrate economiche del signor Bennett, minacciando la sua salute mentale” si legge nei documenti inviati dall’avvocato del ragazzo a Richard Hofstetter, avvocato di lunga data di Bourdain, che rappresentava in quel momento anche Asia Argento. Stando a quanto emerso, quella notte la Argento baciò il ragazzo, lo spinse sul letto, gli tolse i pantaloni e praticò sesso orale su di lui. Infine si arrampicò sopra il ragazzo e i due ebbero rapporti sessuali. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Successivamente gli avrebbe anche chiesto di scambiarsi delle foto. Più tardi, quel giorno aveva postato un primo piano dei loro volti su Instagram con la didascalia “Il giorno più felice della mia vita reunion con @jimmymbennett xox” aggiungendo “Jimmy sarà nel mio prossimo film”. Quel post e altri ancora sono stati inclusi nei documenti presentati dall’avvocato di Bennett, insieme a tre foto che raffigurano lui e Asia a letto, entrambi a petto nudo.

“Violenza sessuale su minorenne”. Asia Argento nei guai, spuntano fatti e prove