Cicciolina svela particolari che sicuramente fanno discutere. “Ecco cosa mi costringevano a fare nei palazzi del potere”


A cavallo tra gli anni ‘8o e ’90 ha impersonato, insieme a Moana Pozzi, lo spirito dell’eros italiano. Miss Ungheria a soli 13 anni, prima porno diva eletta nel parlamento italiano, Ilona Staller, in arte Cicciolina, racconta al “Tempo”, come oggi, a 64 anni stia lavorando a delle esposizioni artistiche intitolate Cicciolina Make Art The Artcore Diva. Spiega che la tv l’ha fatta fuori. Il motivo è da ricercare nel suo passato: da ragazza venne contattata dai servizi segreti ungheresi per diventare una spia ai danni di uomini d’affari stranieri. (Continua a leggere dopo la foto)




“Sì, da ragazza facevo la cameriera in un hotel di Budapest”, racconta, “quando sono arrivati due agenti dei servizi segreti a chiedermi di sedurre i clienti segnalati, da politici a diplomatici occidentali. Dovevo andare in camera loro, farli parlare e fotografare le carte che trovavo nelle loro borse. A 18 anni ero già l’agente Katicabogar (coccinella, in ungherese), spia di businessmen arabi o di politici americani. Dietro i miei occhi truccatissimi c’è un’anima vera e sotto la coroncina di fiori una testa che non ha mai smesso di pensare”.

 

Ti potrebbe interessare anche: Cicciolina al veleno: ”Rocco Siffredi è un poveraccio, dovrebbe baciare il suolo dove cammino”