Omicidio Loris: sconvolgente, ecco cosa si è scoperto sui parenti più stretti. E Barbara D’Urso intanto… (da non crederci)


 

Omicidio del piccolo Loris Stival, inquietante il quadro che emerge dalle intercettazioni . La procura di Ragusa – come riporta Il Fatto quotidiano – ha chiuso le indagini sul bambino trovato morto nel comune di Santa Croce Camerina il pomeriggio del 29 novembre 2014 e procede per il rinvio a giudizio di Veronica Panarello, la madre di Loris, per omicidio aggravato. Ebbene, dagli atti emerge che i familiari di Veronica hanno ricevuto migliaia di euro per rilasciare interviste a trasmissioni televisive, soprattutto quelle delle reti Mediaset.

 

(Continua dopo la foto)



“La morte di Loris per l’intera famiglia Panarello è diventato un business economico”, scrivono gli inquirenti, guidati dal capo della mobile Nino Ciavola. Carmela Anguzza e Antonella Panarello, rispettivamente madre e sorella di Veronica, “hanno trovato un’ottima risorsa economica nei proventi derivanti dalle loro partecipazioni ai programmi televisivi, nei giorni a seguire, mutando totalmente il contenuto delle loro dichiarazioni rese innanzi agli organi inquirenti, in presenza delle telecamere, fanno dichiarazioni totalmente contrastanti rispetto a quanto riferito”.

 

(Continua dopo la foto)


Un esempio? È il 21 gennaio 2015 e un’addetta della trasmissione Domenica Live, chiama Carmela Anguzza, la nonna. “Successivamente – annotano gli inquirenti – l’Anguzza interloquisce direttamente con la conduttrice del programma Barbara D’Urso”. “La D’Urso dice all’Anguzza che – continuano i pm – deve tornare in trasmissione a dire che ha visto sua figlia e, guardandola negli occhi, costei le ha detto che è innocente. La D’Urso insiste sul fatto che in questo momento devono rimanere sul pezzo perché altrimenti l’opinione pubblica si convince sempre più che Veronica è colpevole”. La donna però ha qualche tentennamento.

“Cercano in tutti i modi di convincerla – continuano gli investigatori – dicendole che sono disposte ad aiutare il figlio minore con eventuali consulti presso strutture mediche e con dei piccoli regali”. E se all’inizio la madre di Veronica dice di non volere andare in tv perché le sembra di fare “sciacallaggio”, in seguito le chiamate registrate dagli inquirenti diventano una vera e propria trattativa: alla donna vengono offerti duemila euro. Stesso copione quando a chiamare è il produttore della trasmissione Delitti e Segreti. “La informa – scrivono gli inquirenti – del fatto che lei era venuta in trasmissione a Domenica Live e avevano percepito la prima volta 3.500 euro e la seconda volta 2 mila euro. Lui le farà direttamente 3 mila euro”.

Ti potrebbe interessare anche: Omicidio Loris Stival, sempre più dramma familiare e sconcerto, la madre di Veronica: “Lei una put…, ecco che faceva. In quella casa…”