Oltre 200 agenti si radunano per un’importante manifestazione. Finiscono al pub a bere e, tra un bicchierino e l’altro, perdono ogni freno inibitorio. Quello che succede dopo ha dell’incredibile


 

In teoria il loro compito era quello di garantire la sicurezza, inviati ad Amburgo per rinforzare i controlli e svolgere un servizio fondamentale di prevenzione in vista dell’inizio del G20. E invece questi poliziotti, provenienti da Berlino, hanno pensato bene di darsi alla pazza gioia, come fossero liceali in gita, dando vita prima a un party bagnato da fiumi di alcol e poi a una lunga nottata di trasgressione fatta di orge e sesso selvaggio. Se pensate che quella che state leggendo sia la trama di una commedia americana in stile American Pie e compagnia, sappiate però che vi sbagliate di grosso. Perché questa storia è successa realmente, uno scandalo che ha coinvolto oltre 200 militari che alloggiavano a Bad Segberg in un centro prima adibito a ospitare rifugiati. Gli agenti si sono abbandonati ai bagordi senza curarsi dell’eco mediatico che avrebbe suscitato il loro comportamento, sottolineato puntualmente dalle testate locali. Risultato? Duecentoventi di loro sono stati rimandati a casa ed ora rischiano severe misure disciplinari. Il tutto è successo, a detta dei poliziotti arrivati nella città anseatica la domenica, per festeggiare il compleanno di due colleghi. (Continua a leggere dopo la foto)







La cosa, però, è presto sfuggita di mano. Le testimonianze parlano di agenti che consumavano rapporti sessuali davanti ad altri colleghi, uomini e donne che si improvvisavano lap-dancer e spogliarellisti con le pistole di ordinanza in mano, devastazione dell’ambiente, balli folli sopra i tetti dei container, pipì sulle recinzioni e una colluttazione con gli agenti del dipartimento di Wuppertal che chiedevano rispetto. A riportare la notizia è la testata eunews.it. Le reazioni non si sono fatte attendere e Thomas Neuendorf, portavoce della polizia, ha richiamato i suoi colleghi parlando al quotidiano Die Welt e sottolineando che “non si può fare sesso in pubblico! Non ci si può comportare come gli studenti in gita scolastica”. (Continua a leggere dopo la foto)








 

A loro discolpa gli agenti hanno lamentato la mancanza di intrattenimenti e delle più basiche dotazioni per il tempo libero, come la televisione. Dall’account Facebook del dipartimento di Berlino sono giunte le scuse ufficiali che hanno teso a minimizzare il comportamento dello squadrone. Responsabili secondo i capi della polizia anche gli ufficiali, che, a differenza dei semplici agenti, avrebbero alloggiato in un hotel, non svolgendo la necessaria funzione di controllo. Non è la prima volta che la polizia di Berlino finisce sulle prime pagine dei giornali per questioni non legate al suo lavoro. A metà aprile, due allievi della scuola di polizia erano infatti stati arrestati per spaccio di droga.

“Un orrore terribile, una storia agghiacciante”. A corto di soldi, ecco cosa decidono di fare questi due genitori con la loro figlia. La scoperta choc della polizia. Un caso che non può lasciare indifferenti

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it