McDonald’s contro i pizzaioli: “Ecco perché abbiamo ragione noi…”


 

“A volte un Happy Meal conviene anche ai genitori. Non ce l’abbiamo mica con i pizzaioli”, McDonald’s costretto scusarsi con Napoli e coi suoi pizzaioli dopo l’ultimo spot. Nella pubblicità si vede un cameriere che chiede al bimbo seduto al tavolo con i genitori: “E tu che pizza vuoi?”. Senza esitare il piccolo risponde: “Un happy meal”, lasciando l’uomo a bocca aperta.”Tuo figlio non ha dubbi: Happy Meal, sempre a 4 euro” aggiunge la reclame che nel frattempo ha cambiato location trasferendosi all’interno di un fast food. Attaccando la gloria della gastronomia italiana, McDonald’s questa volta la fa grossa.

Ed ora è costretto a scusarsi: “Vorremmo dire ai pizzaioli di Napoli che nessuno ha sferrato un attacco a loro, tanto meno a un’istituzione come la pizza. Anche noi di McDonald’s, da buoni italiani, amiamo la pizza e frequentiamo le pizzerie. Con il nostro spot – continua il colosso – abbiamo messo in scena una situazione che è capitata a chiunque abbia un figlio. I genitori decidono di uscire e i bambini spingono per venire da McDonald’s, chi non ha sperimentato almeno una volta questa situazione? Senza dimenticare che grazie all’Happy Meal al bambino viene offerto un pasto completo a soli 4 euro (compresa bevanda e frutta). Quanto costa invece andare in pizzeria per una famiglia?”.

E infine: “Siamo sicuri – continua la nota – che anche i pizzaioli di Napoli, se hanno figli, li avranno portati almeno una volta da noi. In caso contrario li invitiamo con la loro famiglia a venirci a trovare e facciamo una scommessa: dopo essere stati nostri ospiti, anche i loro figli chiederanno di venire ancora da McDonald’s. Ma questo non vuol dire che gli italiani smetteranno di frequentare le pizzerie, nessuno si allarmi. In fondo McDonald’s ha solo 510 ristoranti in Italia, mentre le pizzerie sono decine di migliaia… in questo caso i piccolini siamo noi».

Ti potrebbe interessare anche: “Ecco cosa non dovete mangiare al McDonald’s”: la denuncia di un dipendente fa il giro del web