Non ho bisogno di tempo per sapere come sei: conoscersi è luce improvvisa


Pedro Salinas (Madrid, 27 novembre 1891 – Boston, 4 dicembre 1951) appartiene al gruppo di poeti-professori e ne rappresenta bene il modello perfetto. Egli è un ottimo conoscitore della letteratura spagnola ed europea, impegnato non solo nella critica e nell’università ma anche più creativamente con la produzione di poesia, romanzo e teatro. La poesia che segue è tratta dalla raccolta La voce a te dovuta, pubblicata nel 1933, che rappresenta il periodo di maggiore maturità di Salinas il quale, attraverso settanta componimenti, canta un intero poema d’amore, intervallato di silenzi che sono solo pause di respiro.

Non ho bisogno di tempo
per sapere come sei:
conoscersi è luce improvvisa.
Chi ti potrà conoscere là dove taci
o nelle ore in cui tu taci?
Chi ti cerchi nella vita
che stai vivendo, non sa
di te che allusioni,
pretesti in cui ti nascondi. Io no.
Ti ho conosciuto nella tempesta.
Ti ho conosciuto, improvvisa,
in quello squarcio brutale
di tenebra e luce,
dove si rivela il fondo
che sfugge al giorno e alla notte.
Ti ho visto, mi hai visto ed ora
sei così anticamente mia
da tanto tempo ti conosco
che nel tuo amore chiudo gli occhi
e procedo senza errare,
alla cieca, senza chiedere nulla
a quella luce lenta e sicura…







 

Leggi anche:

Lascia che il tuo sguardo infiammi i miei canti

A cosa mi è servito correre per tutto il mondo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it