Io muto la primavera perché tu continui a guardarmi


In questa poesia Pablo Neruda mostra la sua visione del senso della vita con la profondità di pensiero che ha sempre caratterizzato la filosofia e le opere del grande poeta cileno. L’esistenza non è altro che un continuo ciclo in cui la vita e la morte si susseguono spinte da un grande, fondamentale elemento imprescindibile che è l’amore, vera essenza di ogni cosa, potente propulsore della Natura. Così un canto di commiato non mostra nessun segno di tristezza, di malinconia o di rimpianto, ma celebra una meravigliosa rinascita nel nome dell’Amore assoluto per la vita.

Ora, lasciatemi tranquillo.
Ora, abituatevi senza di me.
Io chiuderò gli occhi
E voglio solo cinque cose,
cinque radici preferite.
Una è l’amore senza fine.
La seconda è vedere l’autunno.
Non posso vivere senza che le foglie
volino e tornino alla terra.
La terza è il grave inverno,
la pioggia che ho amato, la carezza
del fuoco nel freddo silvestre.
La quarta cosa è l’estate
rotonda come un’anguria.
La quinta cosa sono i tuoi occhi.
Matilde mia, beneamata,
non voglio dormire senza i tuoi occhi,
non voglio esistere senza che tu mi guardi:
io muto la primavera
perché tu continui a guardarmi.
Amici, questo è ciò che voglio. 
È quasi nulla e quasi tutto.
Ora se volete andatevene.
Ho vissuto tanto che un giorno
dovrete per forza dimenticarmi,
cancellandomi dalla lavagna:
il mio cuore è stato interminabile.
Ma perché chiedo silenzio
non crediate che io muoia:
mi accade tutto il contrario:
accade che sto per vivere.
Accade che sono e che continuo.
Non sarà dunque che dentro
di me cresceran cereali,
prima i garni che rompono
la terra per vedere la luce,
ma la madre terra è oscura:
e dentro di me sono oscuro:
sono come un pozzo nelle cui acque
la notte lascia le sue stelle
e sola prosegue per i campi.
È che son vissuto tanto
e che altrettanto voglio vivere.
Mai mi son sentito sé sonoro,
mai ho avuto tanti baci.
Ora, come sempre, è presto.
La luce vola con le sue api.
Lasciatemi solo con il giorno.
Chiedo il permesso di nascere.

 



Leggi anche:

Lascia che il tuo sguardo infiammi i miei canti

So che il mio cuore manderà ancora – ribelle – il suo ticchettio