T’amo senza sapere come, né quando, né da dove


Pablo Neruda e Matilde Urrutia si incontrarono nel parco forestale di Santiago del Cile nel 1950. Il poeta aveva 42 anni, la cantante 34. Si rividero tre anni dopo a Città del Messico e vissero una lunga storia d’amore per molti anni clandestina fino al matrimonio nel 1967. A lei, la donna della sua maturità, che lo accompagnerà fino all’ultima fase della sua esistenza, egli dedica uno dei suoi libri migliori: “Cento sonetti d’amore”, pubblicato nel 1959.

 

Non t’amo come se fossi rosa di sale, topazio
o freccia di garofani che propagano il fuoco:
t’amo come si amano certe cose oscure,
segretamente, tra l’ombra e l’anima.
 
T’amo come la pianta che non fiorisce e reca
dentro di sé, nascosta, la luce di quei fiori;
grazie al tuo amore vive oscuro nel mio corpo
il concentrato aroma che ascese dalla terra.
 
T’amo senza sapere come, né quando, né da dove,
t’amo direttamente senza problemi né orgoglio:
così ti amo perché non so amare altrimenti
 
che così, in questo modo in cui non sono e non sei,
così vicino che la tua mano sul mio petto è mia,
così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno.

No te amo como si fueras rosa de sal

No te amo como si fueras rosa de sal, topacio
o flecha de claveles que propagan el fuego:
te amo como se aman ciertas cosas oscuras,
secretamente, entre la sombra y el alma.
Te amo como la planta que no florece y lleva
dentro de sí, escondida, la luz de aquellas flores,
y gracias a tu amor vive oscuro en mi cuerpo
el apretado aroma que ascendió de la tierra.
Te amo sin saber cómo, ni cuándo, ni de dónde,
te amo directamente sin problemas ni orgullo:
así te amo porque no sé amar de otra manera,
sino así de este modo en que no soy ni eres,
tan cerca que tu mano sobre mi pecho es mía,
tan cerca que se cierran tus ojos con mi sueño.

 



Leggi anche:

So che il mio cuore manderà ancora – ribelle – il suo ticchettio

Da tanti luoghi vieni, dall’acqua e dalla terra, dal fuoco e dalla neve