Lascia sia il vento a completar le parole che la tua voce non sa articolare


Margherita Guidacci (Firenze, 25 aprile 1921 – Roma, 19 giugno 1992) è stata una poetessa e traduttrice italiana, vincitrice del Premio Dessì e del Premio Scanno. La poesia per lei non è un atto di volontà, ma di vita, e come la vita «contiene in sé motivazione e gioia sufficienti». Non attese né cercò il successo, visse piuttosto appartata rispetto all’ambiente dei poeti della natìa Firenze, non riconoscendosi affatto nella novità dell’ermetismo, e credendo fermamente in una poesia in cui fosse presente «un accostamento drammatico di significati, anziché un accostamento magico di suoni».

Lascia sia il vento

Lascia sia il vento a completar le parole
che la tua voce non sa articolare.
Non ci occorrono più le parole.
Siamo entrambi il medesimo silenzio.
Come due specchi, svuotati d’ ogni immagine,
che l’uno all’altro rendono
un semplice raggio. E ci basta.

 








Leggi anche:

A cosa mi è servito correre per tutto il mondo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it