“Il nostro cuore è spezzato”. Musica in lutto, con lui finisce se ne va un pezzo di storia


Toots Hibbert, lutto nel mondo della musica. Si spegne all’età di 77 anni uno dei padri del reggae mondiale, Frederick “Toots” Hibbert, fondatore dei Toots & the Maytals. Sintomi compatibili con quelli da Covid-19, ma le cause della morte non sono ancora state del tutto ufficializzate. Un grande nome, quello di Toots Hibbert, un uomo che fin dai primordi ha creduto che la musica potesse fare cambiare davvero le cose.

Una famiglia numerosa quella di Frederick. Tra i sette figli, lui era il più piccolo. Un’educazione fondata sulla condivisione e l’altruismo, impartita da due genitori impegnati come ministri della Chiesa avventista del settimo giorno. La passione per il canto nasce proprio nel’ambiente della chiesa, dove il piccolo divo si esibiva in coro. Si era trasferito nella capitale giamaicana da adolescente e aveva formato la prima versione dei Maytals all’inizio degli anni ’60. (Continua a leggere dopo la foto).






Ci sono voluti ben dieci anni di impegno e dedizione per portare alla luce quelle che poi divennero icona negli ambiti musicali del genere reggae: “Coxsone Dodd”, “Prince Buster”, “Byron Lee”, “Leslie Kong”. “Bam Bam”, “Sweet and Dandy” e “54-46 That’s My Number”. E proprio quest’ultimo brano divenne poi rappresentativo di un periodo trascorso in cella scontare una pena detentiva per possesso di marijuana. (Continua a leggere dopo la foto).






Poi il volo verso il successo, con la firma al contratto per la Island Records di Chris Blackwell, che ha condotto a una lunga serie di collaborazioni sotto grandi nomi, Sly Dunbar e Robbie Shakespeare, fino a portare in giro per il mondo i brani dei Maytals nei primi anni ’90. Una contaminazione musicale unica nel suo genere ha condotto Toots a diventare simbolo di una generazione. (Continua a leggere dopo le foto).



Un comunicato diffuso dalla famiglia ha diffuso la notizia della sua scomparsa: “È con il cuore spezzato che annunciamo che Frederick Nathaniel ‘Toots’ Hibbert è morto serenamente ieri sera, circondato dalla sua famiglia all’Ospedale universitario delle Indie occidentali a Kingston, in Giamaica. La famiglia e il suo team di produzione desiderano ringraziare i medici e i professionisti che hanno prestato le loro cura con diligenza e chiedono di rispettare la loro privacy durante questo periodo di dolore”.

“Ho perso il mio migliore amico”. Lapo Elkann, a Verissimo la confessione su quei giorni terribili: una ferita che gronda ancora sangue

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it