È morto George Michael, musica mondiale sotto choc. “Se n’è andato così”, annuncia la famiglia. Dal successo alla caduta, poi la droga


 

George Michael è morto a 53 anni nella sua casa nei dintorni di Londra, il giorno di Natale. “Se ne è andato in pace”, ha reso noto il suo portavoce. Il cantante, il cui vero nome è Georgios Kyriacos Panayiotou, è stato trovato morto nel suo letto. Il suo manager ha spiegato che se ne è andato per una insufficienza cardiaca. Secondo la polizia, l’ambulanza accorsa nella proprietà a Goring, nello Oxfordshire, non ha ha registrato circostanze sospette. Michael era arrivato al successo con i Wham, diventando uno dei personaggi più popolari del pop degli anni Ottanta, conquistando legioni di fan adolescenti e riportando nelle canzoni, nel pieno dell’esplosione post punk, la melodia. Quando il duo ebbe raggiunto il massimo del successo possibile Michael andò altrove e volò decisamente più in alto, al punto, addirittura, di potersi permettere di non cantare più i brani dei Wham in concerto, tanto per cancellare con un colpo di spugna una stagione musicale con la quale non voleva più avere nessun grado di parentela. Così, negli anni seguenti, la qualità delle sue canzoni e dei suoi concerti crebbe in maniera esponenziale. Amava le luci del palcoscenico e, soprattutto in concerto, sapeva come portare il pubblico dalla sua parte. Michael aveva anche un discreto impegno sociale, già dai tempi dei Wham, quando aveva messo per contratto che nulla dei soldi che guadagnava doveva essere investito in società che facevano affari con il Sudafrica razzista. (Continua a leggere dopo la foto)







Per il cantante non sono mancati in passato i problemi con la giustizia e con la droga: nel 2011, infatti, aveva avuto un ricovero per polmonite e anche problemi legati alla dipendenza dal crack. Per George Michael è subito arrivato l’omaggio dal mondo della musica. Madonna ha scritto su Instagram: “Addio amico mio, ci lascia un altro grande artista”, collocando anche un video in cui consegna un premio al cantante. Elton John ha postato una sua foto con la star commentando:”Sono costernato. Ho perso un caro amico, un’anima gentile e generosa oltreché un brillante artista”.

(Continua a leggere dopo le foto) 





 

“Oh Dio no… Ti amo George… Riposa in pace”, ha scritto Robbie Williams. Si conclude dunque così il pessimo anno per la musica pop mondiale dopo l’addio a David Bowie, Leonard Cohen e Prince. Senza dubbio Michael è stato una star di epiche proporzioni fino alla fine degli anni Novanta, ha aperto la strada ad un’intera generazione di nuovi cantanti pop in Inghilterra e dopo i Wham, era riuscito a mettere insieme intrattenimento e qualità, per merito di una vocalità potente ma allo stesso tempo raffinata, con la quale poteva permettersi di cantare al fianco di chiunque senza mai sfigurare.

George Michael, la terribile verità sulle sue condizioni: “Sta malissimo, rischia la vita”

IL VIDEO DELL’INDIMENTICABILE “LAST CHRISTMAS”

Leggi anche:“A mio marito ho perdonato tutto. Droghe, tradimenti. Ma quella volta no, era davvero troppo”. L’incredibile retroscena che arriva dalla moglie di una delle star più amata della musica

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it