“Quelle come me le chiamano troie…”. La confessione a sorpresa della famosissima cantante italiana, che parla per la prima volta della sua situazione sentimentale senza peli sulla lingua


 

“Sì, farò un duetto con Efe Bal. Canteremo insieme Comprami. L’ho promesso e lo farò. Lei è una donna molto sensuale, la può cantare bene”. A confermare la notizia è la storica cantante italiana Viola Valentino, intervenuta ai microfoni de La Zanzara su Radio 24 spiegando di essere pronta a condividere il palco con la famoso transessuale nel remake di un pezzo indimenticabile. “Dobbiamo ancora mettere le cose nero sui bianco – spiega la cantante – cose che riguardano i diritti, ma si farà. Comprami – prosegue la Valentino – mi ha fatto guadagnare tanto, ma hanno incassato di più gli autori della sottoscritta, cioè dell’interprete. I miei autori sono diventati ricchi coi diritti, Cristiano Minellono e Renato Brioschi. Io no. Sono diventata prigioniera di questa canzone, se non la canto la gente mi mena, non mi libererò mai di questo brano, che fu scritto di getto in dieci minuti da Minellono. Le femministe mi hanno odiato, mi venivano a picchiare, ma non avevano capito niente. Mi vendevo per amore, per un fiore e una poesia”. (Continua a leggere dopo la foto)







 

Poi una breve parentesi sul tema femminicidio: “Ci sono uomini che ammazzano le donne, certo. Ma ci sono anche mogli assassine e fidanzate assassine. Anche se ovviamente l’uomo è più forte della donna”. Viola, 67 anni, ha poi parlato della sua situazione sentimentale, che le ha attirato contro critiche e facili ironie a causa della decisione di legarsi a una persona più giovane di lei di 30 anni. (Continua a leggere dopo la foto)




 


 

“Se sei fidanzata con un uomo più giovane di 30 anni, li chiamano toy boy. Una cosa che mi dà fastidio, nessuno parla delle toy girl. Il mio ex marito Riccardo Fogli si è sposato con una che ha 34 anni di meno e nessuno dice nulla, lo considerano un figo. La donna invece che sta con uno che ha 30 anni di meno è considerata una troia. Con Francesco mi sento un po’ mamma, non ho avuto figli e con lui mi comporto così. Il mio è un rapporto romantico, lui non è Rocco Siffredi. Sono protettiva e non una troia, c’è più sentimento che sesso”.

“Ha acceso lo stereo, ci siamo sdraiati e abbiamo fatto sesso. Una volta, poi un’altra. La tripletta, però, non gli è riuscita”. Il racconto dettagliato e molto hot di quella notte memorabile sta surriscaldando il web

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it