”Sono stata violentata. Ed ecco come mi chiamavano. Atroce”. Madonna choc all’ultima apparizione pubblica. Tutto quello che, dopo 34 anni di onorata carriera, ha da dire la regina del pop


 

Madonna è stata designata da Billboard come la donna più influente del 2016 tra tutte le esponenti femminili del mondo dello spettacolo. La notizia, in realtà, risale a ottobre, ma la cerimonia di premiazione organizzata dalla celebre rivista musicale americana si è svolta lo scorso venerdì, 9 dicembre, a New York. Non è certo una novità o una sorpresa che Lady Ciccone sia un’icona, dal momento che cavalca la cresta dell’onda da ben 34 anni, ma di certo ricevere questo riconoscimento è stata una gran soddisfazione per l’artista. Entusiasta ed emozionata, quindi, la regina del pop ha ritirato il premio ma non è scesa dal palco prima di tenere un discorso d’impatto, schietto e senza misure, come è il suo stile, che ha già fatto il giro della rete. Ha infatti approfittato della kermesse per ricordare gli illustri colleghi prematuramente scomparsi ma soprattutto per trattare temi sociali importanti e delicati come la violenza sulle donne e la discriminazione sessuale. (Continua a leggere dopo la foto)



A questo proposito, durante il discorso alla cerimonia dei Billboard Women in Music, Madonna ha ricordato quella terribile violenza sessuale subita a 20 anni, a inizio carriera. ”Venni violentata sul tetto di un edificio in cui ero stata trascinata sotto la minaccia di un coltello alla schiena”, aveva già reso noto l’artista e, venerdì, alla cerimonia, ha detto: ”Grazie per avermi riconosciuto il merito di continuare a portare avanti la mia carriera da ormai 34 anni, nonostante la palese misoginia e il bullismo che molto spesso mi sono trovata a dover affrontare. Quando ho cominciato sono stata subito definita un’icona gay e a quei tempi non era una cosa sicura. New York era spaventosa e nel mio primo anno lì sono stata violentata e aggredita, nei successivi ho perso tutti i miei amici per Aids o per colpi di pistola”.

(Continua a leggere dopo la foto e il post)


 

Nel suo discorso, Lady Ciccone ha anche sottolineato il sessismo che ancora oggi caratterizza il mondo della musica, con riferimento ai pregiudizi che anche lei ha dovuto subire nel corso degli anni: ”Dopo l’uscita del mio album Erotica nel 1992 ho letto su di me delle cose atroci. Mi chiamavano ‘strega’ e ‘p*****a’ e in quell’occasione ho capito per la prima volta che le donne non hanno la stessa libertà degli uomini”, ha detto. E ancora: ”Dicono che sono controversa, ma la cosa più controversa che ho fatto finora è quella di essere viva. Michael Jackson, Tupac Amaru, Whitney Houston, Amy Winehouse e David Bowie, controversi quanto me, sono morti. Io, invece, sono ancora qui”. E ti sentiamo forte e chiaro, Madonna, mito indiscusso del panorama musicale internazionale.

Potrebbe anche interessarti: Prima i litigi (praticamente in mondovisione) con la mamma, poi addirittura l’arresto per droga. E oggi Rocco, il figlio ‘scapestrato’ di Madonna e Guy Ritchie, torna a far parlare di sé: ecco come l’hanno ‘beccato’. Sì, proprio lui