Si è suicidata buttandosi da un viadotto. Il suo corpo è stato ritrovato senza vita sul prato sottostante ma è stato riconosciuto solo poco fa. Musica in lutto per la tragica scomparsa di una vera promessa. Aveva solo 26 anni


 

È di Greta Medini, violinista 26enne, il corpo ritrovato dal Gruppo Saf dei Vigili del fuoco, ai piedi del viadotto autostradale dell’A3 Salerno-Reggio in località Pizzo Calabro. Dopo essere arrivata nel luogo con un’auto secondo alcuni noleggiata, secondo altri presa in prestito dal padre, la musicista si sarebbe lanciata dal viadotto. Nell’auto, oltre ai regali di Natale, aveva lasciato anche il suo giubbotto. Secondo le ricostruzioni, una volta arrivata sul cavalcavia, la giovane si sarebbe gettata, facendo un volo di circa 60 metri. Il corpo della ragazza è stato trovato senza vita sul prato sottostante. I Vigili del fuoco hanno impiegato un’ora per riuscire a raggiungere la zona e recuperare il corpo della ragazza. All’inizio, però, la sua identità era rimasta ignota. Solo in seguito è stata riconosciuta. Si tratta, come dicevamo, di Greta Medini che, come riporta la testata online Il Vibonese era una “musicista di talento, si era diplomata appena sedicenne al Conservatorio “F. Torrefranca” di Vibo Valentia con il massimo dei voti e menzione d’onore. Continua a leggere dopo la foto



Come riporta il quotidiano, la musica era una passione totalizzante per la Medini che, a soli 10 anni, ha iniziato a intraprendere un’intensa attività concertistica, sia come solista che con varie orchestre. Un curriculum importante, il suo, che, anche se giovanissima, aveva suonato Bach, Vivaldi, Mozart e Brahms tra gli altri. Era una delle migliori giovani violiniste italiane e aveva partecipato  all’International Children’s Cultural and Art Festival di Shanghai nel 2004. Nel 2006, invece, era stata in tournée con la World Youth Orchestra. Continua a leggere dopo le foto

 



 

 

Sempre Il Vibonese riporta che la Medini è “stata partner di illustri musicisti della scena internazionale quali Stefano Pagliani, Feren Szucs, Bruno Giuranna, Mariana Sirbu e Michele Marvulli. Per due edizioni (2003 e 2005) ha vinto il Primo premio alla rassegna nazionale “M. Benvenuti” di Vittorio Veneto e nel 2006 ha partecipato al concorso internazionale ‘Valsesia Musica’: nonostante fosse la più giovane è stata premiata in finale. Quando, nel 2005, l’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi andò in visita a Vibo Valentia, la violinista suonò per lui. Perché si è suicidata? Non è ancora chiaro: sulle cause del suo gesto si sta indagando. 

Leggi anche: “Ecco perché si è sparato”. Il suicidio dello chef super stellato, spunta la voce choc. Un fattaccio che lo aveva messo nei guai