”Una vera leggenda. E ora è in un posto migliore”. Il mondo della musica piange la tragica scomparsa di un grande pioniere. ”Senza parole”


 

Lutto nel mondo della musica: se ne è andato il 21 settembre per cause che non sono state ancora rese note e ha lasciato la sua ”community” senza parole. Più di una community, a dire il vero, una famiglia che, col cuore spezzato, su Facebook, ha dato l’annuncio ufficiale della scomparsa. Il tutto dopo che la notizia aveva circolato sui social: “Alla nostra famiglia Acid House e a tutta la famiglia musicale siamo dispiaciuti nel dover comunicare che il nostro amico e collega DJ Spank Spank è morto. Spank è (era) una leggenda. Continueremo senza dubbio il lavoro che ha cominciato con il progetto del suo ultimo album e della sua innovazione nella musica”.

“Per piacere, per adesso però pregate per la sua famiglia e suo fratello DJ Pierre. Concedetegli il tempo per il loro lutto. Vi aggiorneremo a breve con nuove notizie. Con affetto”.

(Continua a leggere dopo la foto)

 



 

Già perché DJ Spank-Spank, il cui vero nome era Earl Smith Jr, è stato uno dei pionieri della acid house. In particolare è stato il fondatore, assieme a DJ Pierre e Herb J, della crew di Chicago Phuture, autore di Acid Tracks del 1987. 

(Continua a leggere dopo la foto)

 


Da quando la notizia ha iniziato a circolare in rete, sono stati davvero tanti i tributi che il musicista ha ricevuto da dj e colleghi del mondo della musica. 

(Continua a leggere dopo la foto)

 


 Justin Robertson, per esempio, ha scritto: “Phuture – Spank Spank la vostra musica mi ha cambiato la vita”. Thump Dj Pierre, invece, ha scritto così: “Spanky è stato il motivo per cui è nato il gruppo Phuture. Il mondo non ha idea di quanto fosse talentuoso e quanto dipendevo da lui. Mi mandò un messaggio la notte scorsa dicendomi che stava lavorando su nuova musica e spiegandomi quanto fosse eccitato per avere ancora l’opportunità di esibirsi. Stavamo lavorando sul nostro nuovo album ed era contentissimo. Sono senza parole, viveva per la sua musica. Siamo convinti che vivrà per sempre nella musica che abbiamo creato assieme. Ora è in un posto migliore. Amatevi l’uno con l’altro. Amate la vita”

Non è ancora chiara la causa del decesso. Quel che è certo è che qualche mese fa era stato vittima di un infarto. Non si sa ancora se abbia influito sulla sua morte. 

Leggi anche: “La Angelina Jolie del Kurdistan”. Bella, coraggiosa e in mimetica, una vera e propria leggenda per le sue incredibili imprese nella lotta all’Isis. Ora arriva l’inaspettata notizia