Tragico lutto nella musica: “il più grande” è morto cadendo dal quarto piano dell’ospedale. Addio a Lanfranco Malaguti


Lutto nel mondo della musica. È morto il grande jazzista Lanfranco Malaguti: l’uomo, il chitarrista più famoso d’Italia, aveva 70 anni ed è morto dopo essere precipitato dal quarto piano dell’ospedale di Belcolle a Viterbo. Lanfranco Malaguti era precipitato nella serata di lunedì 9 dicembre ma ora si è diffusa la notizia che non ce l’ha fatta. Ma cosa ci faceva Lanfranco Malaguti a Viterbo? Il figlio era ricoverato a Belcolle e mentre il musicista era andato a fargli visita, ha detto di dover andare in bagno. Dopo un po’, dal momento che non tornava, i parenti hanno chiamato i soccorsi.

La porta del bagno è stata sfondata ma di Lanfranco Malaguti non c’era traccia. È stato trovato dopo un po’ in un cortile interno all’ospedale. Quando lo hanno ritrovato, era già privo di vita. Sono in corso le indagini sulle cause della morte di Malaguti: tutte le ipotesi sono al vaglio degli inquirenti, sia quella dell’incidente sia quella del suicidio. Per ora, però, non si hanno notizie certe e non sono state fornite spiegazioni. Quel che è certo è che la perdita è enorme. Continua a leggere dopo la foto








Lanfranco Malaguti era uno dei jazzisti italiani più famosi e amati. Insieme a Carlo Pes e Franco Cerrari, era uno dei più conosciuti. Nato a Roma il 20 marzo 1949, ha sempre amato la musica ma anche la matematica. Passioni che ha portato avanti sempre di pari passo. Oltre che un grande musicista, Lanfranco Malaguti è stato anche insegnante di matematica, appunto. Il primo disco del musicista risale al 1984. Dopo quello ha partecipato anche a varie trasmissioni in Italia ma anche all’estero. Continua a leggere dopo la foto






Per esempio ha lavorato in Brasile e in Slovenia. Lanfranco Malaguti ha composto anche varie sigle televisive per la Rai e suonato in tantissimi festival. Grazie al suo talento tutti accorrevano per vederlo solamente muovere le dita con la sua maestria. Era un vero maestro e ascoltarlo suonare era una cosa magica. Il suo album più celebre è ‘Something’, un mix di musica pop rivista in chiave jazz. La sua scomparsa, all’età di 70 anni, ha lasciato tutti sconvolti. Continua a leggere dopo la foto



 

Vanta collaborazioni importantissime con: Bruno Cesselli, Andrea Michelutti, Maurizio Caldura, Ares Tavolazzi, Federico Malaman, l’ex Quintorigo John De Leo, Renato Geremia, Mauro Periotto, Tony Rusconi, Enzo Pietropaoli, Alessandro Turchet, Stefano D’Anna, Fabrizio Sferra, Roberto Gatto, Sergio Fanni, Franco Cerri, Piero Leveratto, David Boato, Dario Volpi, Renzo De Rossi, Massimo De Mattia, Nicola Fazzini, Luca Colussi, Romano Todesco, Massimo Zemolin, Laura Scomparcini, Gigi Rossi, Lee Konitz, Bill Smith e Marc Abrams.

Lutto nel mondo dello spettacolo: è morto a soli 14 anni. Una famiglia devastata dal dolore

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it