“Troppo rischioso”. Annullato il concerto sulla spiaggia di Jovanotti ad Albenga. Ecco perchè


La notizia era nell’aria da molto tempo. Adesso è addirittura ufficiale: una data del Jova Beach Party, infatti, è stata cancellata per problemi logistici. Lo ha reso noto direttamente la Trident Music, la società organizzatrice dell’evento. Nei giorni scorsi vi avevamo raccontato di come associazioni ambientaliste e autorità competenti avessero manifestato dubbi e avanzato criticità sulla fattibilità, in termini di rispetto naturale e di sicurezza, del concerto di Jovanotti.

Ora la data di Albenga, prevista alla Spiaggia Fronte Isola il prossimo 27 luglio, è ufficialmente saltata: “Questa mattina sono arrivati i tecnici del JBP che hanno effettuato i primi rilievi per il posizionamento delle strutture e purtroppo si è scoperto che il fenomeno dell’erosione delle spiagge in Liguria, che ha già colpito altre cittadine, si è manifestato anche sulla spiaggia prescelta per il Jova Beach Party ad Albenga. I rilievi ortofotografici hanno infatti evidenziato allo stato odierno una riduzione di 10/12 metri”. Continua a leggere dopo la foto.



Non c’è pace per Jovanotti insomma, costretto a mettere mano al calendario del tour o addirittura, come in questo caso, a cancellare alcune date. Stavolta il rischio ambientale era troppo elevato: “Il fenomeno, rispetto ai primi rilievi effettuati a novembre, si era già evidenziato durante la primavera ma si è ulteriormente accentuato nel corso delle ultime settimane – spiega Maurizio Salvadori, produttore del Jova Beach Party – probabilmente a causa dell’ultima ondata di maltempo. In questa situazione è impossibile montare in sicurezza le strutture previste e con grande rammarico si è costretti a cancellare la tappa prevista per il 27 luglio prossimo”. Continua a leggere dopo la foto.


Gli organizzatori fanno sapere che si cercherà un’alternativa in tempi brevi in maniera da “soddisfare gli spettatori dell’area nordovest, in sostituzione della data ligure”. La Trident, intanto, informa che sarà possibile chiedere un rimborso dal 29 luglio al 31 agosto, sia telefonicamente che presentandosi al punto vendita dedicato. “Il rimborso verrà effettuato mediante riaccredito sulla carta utilizzata per l’acquisto o altro metodo di pagamento utilizzato in fase di acquisto. Tale operazione di riaccredito avrà inizio a partite dal ricevimento della mail di richiesta e la visibilità del riaccredito sarà possibile dal mese successivo”. Continua a leggere dopo la foto.


Doveva essere il concerto simbolo dell’estate 2019, ma finora il Jova Beach Party sta alzando solo polemiche e critiche. Tra norme di sicurezza non rispettate e rischi per l’ambiente, infatti, Jovanotti sta rischiando grosso. E una data è già saltata, ma altre potrebbero fare la stessa fine.

Morgan disperato: la sua casa all’asta. “Dormirò per strada, come un cane”

Tags: