Un altro caso Michael Jackson nella musica! Ve la ricordate? Era così, oggi la sua pelle è diventata completamente bianca. Guardatela, è impressionante…


 

Anni fa cantava con Christina Aguilera e Ping il successo rivisitato ‘Lady Marmalade’ in quella che è stata la colonna sonora del film ‘Moulin Rouge’, ma oggi la rapper americana molto amica dei Kardashian, Lil Kim, è irriconoscibile. La metamorfosi degli ultimi 15 anni ci ha restituito una cantante completamente diversa. La rapper, che ha 40 anni, esordì nel ’95 con il suo gruppo, Junior M.A.F.I.A., e nel ’96 pubblicò il suo primo album ‘Hard Core’, doppio disco di platino negli Stati Uniti.

(Continua a leggere dopo la foto)



Le ultime foto che Lil’ Kim ha postato su Instagram per mostrare a tutti il suo nuovo look sono diventate virali. Il volto è cambiato moltissimo. Ancora oggi molti hanno la convinzione che anche  Michael Jackson avesse scelto di schiarire la propria pelle tramite l’utilizzo di una cura allo scopo di diventare un bianco. La campagna mediatica a questo proposito è stata talmente prolungata nel corso degli anni che ormai per buona parte delle persone è diventata l’assoluta verità. Ma…

(Continua a leggere dopo la foto)


Non è così. Michael Jackson infatti non aveva scelto di diventare bianco, vi era stato costretto da una malattia della pelle chiamata vitiligine. La vitiligine è una malattia dell’epidermide che colpisce circa il 2% della popolazione mondiale, con caratteri di gravità differente a seconda del soggetto. Il funzionamento della vitiligine è semplice: il sistema immunitario attacca i “melanociti”, non riconoscendoli più come parte dell’organismo, alterando così la creazione della melatonina che regola la pigmentazione dell’epidermide. L’effetto finale è la presenza di macchie decolorate. Si tratta di una malattia progressiva che, nell’arco del tempo, si espande a zone sempre maggiori del corpo. Michael Jackson era inizialmente costretto a coprire con il trucco le chiazze bianche, ma poi l’estensione della malattia lo portò a fare il contrario.

(Continua a leggere dopo la foto)


 

La vitiligine cominciò a manifestarsi sul corpo di Michael Jackson nei primi anni ottanta e gli venne definitivamente diagnosticata nel 1983. Egli se ne vergognava moltissimo, al punto di pensare che fosse un castigo divino. Nel 1993, stanco di subire diffamazioni ignobili, decise di forzare il comprensibile pudore per la sua malattia dichiarandola pubblicamente, con non poca commozione, nell’intervista televisiva più seguita della storia, con la conduttrice americana Oprah Winfrey. Il giorno successivo la notizia fu pubblicata da tutti i giornali, ma ben presto l’immagine di persona strana e misteriosa che i media avevano costruito su di lui per sollecitare la curiosità morbosa del pubblico, riprese il sopravvento. Che Michael Jackson fosse affetto dalla vitiligine è tuttavia certificato da diversi referti medici, compreso il risultato ufficiale dell’autopsia…

 

 

Cifra record per il ranch che Michael Jackson trasformò in parco giochi. Ma che adesso…