David Bowie, ancora mistero sul suo testamento ma lascia una eredità da capogiro. A quanto ammonta il (meritato) patrimonio del Duca Bianco


 

La domanda che si sono fatti in tanti alla morte di David Bowie, legittima e curiosa: quanto può avere guadagnato un grande artista, di fama mondiale, in quattro decenni di attività? Calcoli, ovviamente, difficili da fare, ma ciò che sembra certa è la cifra che corrisponde al patrimonio lasciato qui in Terra dal Duca Bianco. Un bel gruzzolo, non c’è che dire. Tutto meritato, sia chiaro, perché non sono tantissimi i Bowie nella storia della musica mondiale.

(continua dopo la foto)







Si parla, difatti, di 230 milioni di dollari. Ciò che non è ancora noto è come sarà distribuito, nulla si sa, almeno ora, del testamento di Bowie. Si presume che la fortuna sia divisa tra la seconda moglie, la top model di origini somale Iman, il figlio Cancun Jones, 44, regista, avuto dalla prima moglie Marie Angela Barnett, e una figlia di 15 anni, Alexandria Zahra Jones, nata dal secondo matrimonio.

Intanto, arrivano nuove informazioni sulla malattia di Bowie. A rivelare queste informazioni è Ivan Van Hove, regista belga di Lazarus, lo spettacolo teatrale scritto da Bowie e dal commediografo Enda Walsh. “Ha continuato a combattere come un leone – ha raccontato Van Hove all’Independent – anche sul letto di morte. Ho visto un uomo combattere come un leone e ha continuato a lavorare nonostante tutto. Ho un incredibile rispetto per tutto questo”. Il regista belga ha dichiarato di essere uno dei pochi a essere conoscenza della sua malattia da oltre un anno. L’ultimo incontro con Bowie è stato a dicembre durante la promozione dello spettacolo. Quando siamo andati via è collassato. È stato allora che ho capito che quella avrebbe potuto essere l’ultima volta che l’avrei visto”, ha concluso Van Hove.

Ha saputo per ultima della morte dell’ex marito, David Bowie, perché nella casa del Grande Fratello. Poi gli autori l’hanno informata e, nel confessionale, Angie ha reagito così

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it