“Addio a una leggenda”. Mondo della musica in lutto. Da Michael Jackson a Madonna fino a Elton John: è stato merito suo se i big sono arrivati in Italia. E questa è stata solo una delle sue intuizioni geniali


 

Il mondo della musica in lutto: se ne è andata una leggenda. È morto questa mattina all’ospedale Gemelli di Roma il mitico produttore discografico, impresario e organizzatore di concerti di origine libica David Zard. Era nato a Tripoli il 6 gennaio del 1943 da una famiglia di religione ebraica e si è spento a 75 anni dopo una lunga malattia oggi, 27 gennaio 2018, giorno della Memoria. Impossibile non ricordare che Zars è stato il primo produttore a portare i concerti negli stadi in Italia. L’uomo che ha legato il suo nome ai tour delle più grandi stelle della musica internazionale. Qualche esempio? Da Cat Stevens a Elton John, da Tina Turner a Lou Reed, da Frank Zappa ai Rolling Stones, dai Genesis a Bob Dylan, da Madonna fino a Michael Jackson. E, ancora, altra intuizione geniale, David Zard è stato anche l’impresario che ha rilanciato il musical in Italia, prima con il Notre-Dame de Paris di Riccardo Cocciante e poi con Romeo e Giulietta. Aveva cominciato la sua attività di impresario musicale a Tripoli, la sua città natale, organizzando concerti per la comunità italiana locale. Nel 1967, poi, aveva abbandonato la Libia a seguito delle persecuzioni contro gli ebrei in concomitanza della guerra dei 6 giorni. (Continua dopo la foto)








Una carriera lunghissima costellata di successi. Alla fine degli anni ’70 aveva organizzato La Carovana del Mediterraneo, dal progetto musicale di Angelo Branduardi. Poi negli anni ’80 e ’90 fu proprio lui a mettere a punto le tappe italiane degli indimenticabili tour di Michael Jackson, prima il Bad World Tour a Roma e a Torino nel 1988 e poi, 4 anni dopo, il Dangerous World Tour a Roma e a Monza. Zard ha avuto rapporti con tutto il mondo dello showbiz, sia italiano che internazionale. Anche perché la sua conoscenza dell’inglese, dell’arabo, dell’ebraico e dell’italiano facilitavano il suo essere introdotto praticamente ovunque. Nel ’91 era anche apparso in un piccolo ruolo nel film Il muro di gomma. (Continua dopo le foto)





 

Negli ultimi anni aveva mantenuto un ruolo nella discografia attiva, diventando l’agente e il produttore degli ultimi album di Gianna Nannini. Giorgio Dell’Arti, nella biografia di Zard, ricorda Il Secolo XIX, aveva raccolto gli aneddoti più curiosi. Tra i tanti il botta e risposta tra Zard e Madonna nel 1990, quando entrambi erano al massimo della carriera. Racconta Zard a Dell’Arti: “Madonna mi diede del leccaculo a Portofino nel 1990 e io le risposi che era proprio una stronza”. Zard, che come detto si è spento all’età di 75 anni, lascia la moglie e un figlio.

“Ciao!”. Grave lutto per Ezio Greggio: il triste annuncio a Striscia la Notizia. Ne aveva parlato più volte lo storico conduttore del tg satirico e, a fine puntata, lo salutava sempre. Stavolta, invece, è toccato ai suoi successori dare la brutta notizia al pubblico

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it