In questa foto era poco più che un ragazzo, ma oggi, a 31 anni suonati, Davide, il primo figlio (riconosciuto) di Vasco Rossi, è cambiato radicalmente e torna a far parlare di sé: “Vi racconto tutto quello che non sapete di mio padre”. Segreti, aneddoti e quella strana “storia sulla droga”


 

Che fosse un grande uomo, il Blasco, nessuno ne dubitava. Ma come padre, beh, qualche dubbio sacrosanto, era venuto. Eppure, da quello che racconta Davide, il primo figlio di Vasco Rossi, avuto con la prima compagna, Stefania Trucillo, sembrerebbe proprio di sì. Dopo un inizio turbolento, fatto di processi, denunce e tribunali, la situazione, dal lontano ’95 (in quel periodo Davide aveva appena 9 anni) è molto migliorata. In una vecchia intervista di Repubblica Vasco descrisse così quei momenti: “Il mio primo figlio è nato, concepito… Lei è rimasta incinta e poi è venuta a dire: ‘ Questo è tuo figlio, lo devi riconoscere’ . Allora a me sono girati un po’ i coglioni, poi ho pensato: ‘ Se è mio figlio facciamo l’esame del Dna e lo riconosco’. E a quel punto sono cominciati i problemi con lei… Mi trascina continuamente davanti ai tribunali… insomma tutte le carognate… che possono venire in mente ad avvocati senza scrupoli…”. Ma ora, a 65 anni suonati, visto con gli occhi di Davide, il figlio 31enne del rocker, è un papà buono anche se di certo non convenzionale. Ma, dice l’attore e dj al Corriere della Sera, mai assente: “Ho sempre considerato un valore essere cresciuto con una ragazza madre. (Continua dopo la foto)








Ma lui c’è sempre stato, e non solo per telefono. Mi ha ascoltato ogni volta che ero in crisi, mi ha richiamato tutte le volte che trovava un mio messaggio in segreteria, perché ai tempi il telefono lo teneva perennemente spento, solo adesso lo lascia acceso e squilla. Non mi ha mai fatto mancare niente”. E sull’essere genitore severo il Blasco, che è papà anche di Lorenzo, avuto dalla Gabri della canzone, e di Luca, nato dall’amore per la moglie Laura Schmidt, ha sempre avuto le sue teorie: “Voleva che ci arrivassi da solo. È stato ferreo solo sulle droghe più pesanti, come l’eroina”, continua Davide. Ma il ritratto del cantautore più inedito è quello di nonno. Nonno di Romeo, il bambino che Davide ha avuto tre anni fa dalla compagna Alessia. “Quando gli ho dato la notizia che io e la mia compagna stavamo aspettando Romeo, mi ha un po’ spiazzato”, spiega, “disse che era arrivato il momento di prendersi le responsabilità. Lì per lì avrei preferito un abbraccio. Poi, quando sono diventato padre, ho capito cosa intendeva”. (Continua dopo le foto)





 


Il regalo più bello? “Una cornice d’argento per metterci una foto di Romeo. E infatti ci sono io che suono il piano con il piccolo sulle spalle. Quando la vedo penso che racchiuda tutto: mio padre, me e mio figlio”. Fino all’ultimo ricordo, datato 29 giugno 2017, Modenapark. “Era il giorno delle prove, che poi anche quelle sono state un concerto vero e proprio. Quando sono arrivato dietro il palco con mio figlio Romeo, papà stava salendo. In quei momenti ogni artista va lasciato tranquillo. Romeo però ha cominciato a gridare ‘Nonno, nonno!’ e a muovere la mano per salutarlo e lui, voltandosi, ha ricambiato alzando la sua. È una scena che mi ha riempito il cuore”.
Ti potrebbe anche interessare: “Se n’è andato improvvisamente, era molto stanco”. Lutto nel mondo della musica. È proprio Vasco Rossi a dare la triste notizia sui social. Una foto insieme e un lungo messaggio per ricordare “un mio grande amico”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it