“Buon viaggio, ora riposa in pace”: il dolore di Laura Pausini per quella morte improvvisa. E quanti ricordi…


 

“Buon viaggio amico mio, fa buon viaggio”. Tutta l’amarezza per una perdita che lascia il segno stretta in una riga. Laura Pausini sceglie la sintesi per salutare Ezio Neri, lo storico “Napoleone” di Bologna nel ristorante del quale si esibì per la prima volta a 16 anni. Una sorta di padre artistico, che per primo credette nelle capacità di quella bambina che, come racconta lei stessa: “Faceva i compiti nel suo ristorante ancora chiuso, mangiava con i camerieri prima di cantare”. Nelle capacità della Pausini come in quelle di tanti altri, lanciati nel suo locale. 

(continua dopo la foto)








Personaggio poliedrico ed eccentrico. Neri si è spento ad 85 anni. Grande la commozione che ha suscitato la sua scomparsa. Nel messaggio d’addio, Laura Pausini dipinge un ritratto di un uomo di genio e sensibilità. Un uomo che ringrazia profondamente: “Caro Ezio, quanti aneddoti avrei ancora da raccontare.hai sempre creduto in me essendo uno dei più grandi fan di mio padre Fabrizio. I pranzi che organizzavi a Natale x i senza tetto possono spiegare molto bene chi eri… Chi Sei”. Un uomo del quale non morirà il ricordo

Ti potrebbe interessare anche: La Pausini si infuria su Facebook: “Addio al mio cane Brando, investito da un codardo”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it