”Pannolini per incontinenti, sex toys e migliaia di euro in contanti”. Ecco cosa è stato trovato sul prato del Modena Park il giorno dopo il concerto di Vasco


 

Il concerto di Vasco al Modena Park resterà nella storia. È stato tutto un record: si tratta del concerto con più spettatori al mondo. E il buongiorno si è visto dal mattino: nelle prime 48 ore di prevendita gli iscritti ai fan club del Blasco hanno bruciato la bellezza di 33mila tagliandi. Un evento pazzesco che, tra alberghi, benzinai, parcheggi, ha portato alla città emiliana due milioni e mezzo di euro. Almeno. Tantissimi i residenti che, per far fronte al flusso incredibile di persone, ha messo a disposizione camere, appartamenti e posti letto. Solo di pullman, a Modena, sono arrivati 900. Per non parlare di tutte quelle persone che sono arrivate in auto o in treno e che, ai loro figli e nipoti, un giorno potranno dire orgogliosi: ‘’Io c’ero’’. I fan più sfegatati sono arrivati sul posto un mese prima: il 29 maggio avevano già piazzato le tende per essere sicuri di poter stare in prima fila. Le loro tende, però, sono state rimosse. Ma loro non hanno mollato e, per un mese, anche con quelle temperature africane, hanno dormito in macchina. Ma anche, chi per claustrofobia, chi per età, chi per impedimenti vari non ha potuto assistere dal vivo, ha avuto la possibilità di seguire lo spettacolo da casa propria: il concerto è stato infatti trasmesso su Rai 1, ma anche in 140 sale cinematografiche in tutta Italia. A Modena c’erano schermi nel centro storico e a Rimini in spiaggia. Continua a leggere dopo la foto







Anche per i risarcimenti si parla di una cifra da record: il Comune di Modena otterrà una cifra vicina ai 400mila euro per sistemare il parco Ferrari dopo l’evento. Chi era lì, probabilmente, avrà ancora la pelle d’oca: quelle 40 canzoni distribuite in 4 ore di emozioni per celebrare 40 anni di carriera sono state uno spettacolo. Il palco era degno dell’evento, ovvio: largo 130 metri, alto come un palazzo di 8 piani. Così come uno spettacolo sono state le immagini panoramiche pubblicate da Vasco prima del concerto. In molti, a concerto finito, dopo aver esaurito tutte le energie per cantare, ballare, tenersi in piedi dopo le ore di attesa, si saranno chiesti: ‘’Chissà che caos ci sarà su quel prato, chissà quanta roba troverà chi ripulirà tutto’’. Ve lo siete chiesto? Ebbene, anche su questo fronte è record. Continua a leggere dopo le foto





 

Cosa è rimasto dell’attesissimo mega evento? Di tutto un po’. Secondo le tre aziende chiamate a pulire l’area sono state ritrovati: 111 smartphone; 3 tablet, 1.200 mazzi di chiavi; 670 paia di occhiali; 120 confezioni di preservativi; 1 Rolex Submariner (in acciaio); 51 carte di credito; 170 scarpe; 1 pigiama da uomo; 2 stampelle; 29 felpe; 60 reggiseni; 2 materassini gonfiabili; oltre 2 mila euro contanti, divisi in vari portafogli; 1 confezione di 12 assorbenti (quelli per adulti incontinenti); 33 sacchi a pelo; 1 statuetta in legno di Padre Pio; 28 sex toys. E una quantità esagerata di cappellini e bandane. Se siete tra coloro che hanno smarrito qualcosa, sappiate che non siete gli unici. 

Leggi anche: Vasco Rossi choc: ”Quella volta che ho rischiato di morire. E ora…”

 

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it