Le figlie di B.B. King denunciano: ”Ecco chi ha avvelenato nostro padre”


 

B.B. King, leggenda del Blues, che si è spento all’età di 89 anni lo scorso 15 maggio, sarebbe stato avvelenato. Lo sostengono due delle sue figlie, Karen Williams e Patty King, e puntano il dito contro due stretti collaboratori del musicista. Dall’analisi di documenti legali di cui l’Associated Press ha preso visione, infatti, risulta che le due donne accusano il business manager di B.B. King, LaVerne Toney, e il suo assistente personale Myron Johnson. Intanto l’autopsia sul corpo di B.B. King è stata effettuata, come fanno sapere le autorità locali, ma per i risultati bisognerà attendere fino a otto settimane. Intanto, stando sempre a quanto riferito dall’Associated Press, i detective della squadra omicidi della polizia di Los Angeles hanno avviato le indagini.

Potrebbe anche interessarti: Addio a B.B. King, musica in lutto: il mondo perde il re del blues







Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it