Pasta, mon amour. Buona per te e per il pianeta. E 5 cose che forse non sapete…


Il 24 ottobre è la giornata mondiale della pasta. Poteva forse passare inosservato un simile evento? Assolutamente no. Tantomeno per noi italiani che la mangiamo quasi tutti i giorni (lo fa il 44% della popolazione) e che ci classifichiamo primi nel consumo annuale pro-capite. Forse la amiamo così tanto perché una buona pasta è il risultato per l’80% degli ingredienti usati e solo per il 20% dell’abilità del cuoco? Forse. Fatto è che la pasta non solo è buona e fa bene, è un alimento che cementa i rapporti familiari. Non ci avete mai pensato a quanto è bello il momento in cui ci si siede tutti quanti a tavola e si mangia un bel piatto di pasta?

(Continua a leggere dopo la foto)







Immaginatevi a mangiare tutti un bell’hamburger… È un po’ diverso non credete? Comunque, per celebrare la pasta, un vero patrimonio immateriale dell’umanità, c’è il World Pasta Day che quest’anno si tiene a Buenos Aires. La Giornata Mondiale della Pasta si celebra ogni anno: il tema conduttore è la valorizzazione della pasta sotto il profilo del gusto, delle proprietà nutrizionali e del suo essere un alimento sostenibile dal punto di vista ambientale ed economico. Anche noi vogliamo dare il nostro contributo, quindi ecco cinque cose sulla pasta che forse sapete ma alle quali probabilmente non stavate pensando.

1) La pasta, alla base della dieta mediterranea, ossia uno dei regimi alimentari più salutari, è stata inserita tra i patrimoni immateriali dell’umanità dall’Unesco

2) La pasta non fa ingrassare. E sazia per un bel po’, lo dicono tutti i nutrizionisti. Meglio se consumata con un condimento semplice (pomodoro, verdure e formaggio grattugiato) e un filo di olio extravergine di oliva. La pasta, inoltre, non contiene colesterolo, quindi, facendo attenzione al condimento, si può introdurre anche nelle diete ipolipidiche. 

(Continua a leggere dopo la foto)






3) È un alimento completo, ancor più se la si mangia insieme ai legumi che forniscono proteine. Oltre a essere buona, sana, è facile da preparare ed è super versatile visto che può essere abbinata a tantissimi prodotti.

4) Per una pasta a prova di chef: metti il sale nell’acqua solo quando essa bolle (facile); cuocila un minuto in meno rispetto a quanto scritto sulla confezione (solo se sei italiano). Perché? Tra che la scoli, la ripassi in padella, la metti nei piatti, il minuto di cottura è recuperato.

5) La pasta fa bene anche al pianeta infatti ha un impatto ambientale bassissimo, si parla di 1 mq globale per porzione di pasta, vale a dire la misura dell’area biologicamente produttiva di mare e di terra necessaria a rigenerare le risorse consumate durante la produzione. Un motivo in più per mangiarla…

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it