L’acqua diventa arte e aggregazione, nel migliore dei modi: così si valorizza, rispetta e difende il bene più prezioso della vita


 

Cosa meglio dell’acqua può rappresentare contemporaneamente la vita, la rinascita, il bene pubblico e l’aggregazione sociale? È proprio per il suo valore inestimabile che è diventata la protagonista del progetto artistico e urbano di riqualificazione della città voluto dal Comune di Settimo Milanese, in collaborazione con Gruppo CAP e Nuovi Colori.

(continua dopo la foto)

 








Il 19 e il 20 settembre scorso, sotto gli occhi di tutti i cittadini di Settimo Milanese, “Piazza dell’Incontro dei Popoli” si è trasformata in un museo a cielo aperto grazie agli Writer Acme 107, Bros, Paolo Castaldi, Cheone, Eu, Gep, Nais, Pao, Re.Rurban e Christian Sonda, che si sono esibiti dal vivo valorizzando la fontana a muro al centro della piazza con immagini creative ricche di significato.

Anche Gruppo CAP ha preso parte all’iniziativa, e lo scorso week end ha distribuito a tutti i cittadini gadget e materiale informativo per valorizzare l’acqua e spiegare l’importanza di un uso responsabile. Le due giornate tra colori e musica, che hanno raccolto in piazza gli abitanti di Settimo, rappresentano solo la prima fase di un progetto che si svilupperà in primavera con un intervento sull’arredo urbano e sul verde: le piante, a basso consumo idrico e quindi sostenibili, saranno piantate direttamente dai cittadini.

Ieri, al termine della presentazione del progetto e delle opere, Alessandro Russo, Presidente del Gruppo CAP e Sara Sant’Agostino, Sindaco di Settimo Milanese, hanno salutato la città. “Sono contento – ha commentato Russo – che l’acqua sia stata scelta come soggetto delle imponenti opere di street art che hanno ravvivato la piazza. I cittadini e soprattutto i giovani potranno ritrovarsi in questo nuovo spazio e dissetarsi alla fontana con l’acqua di rete: buona, controllata e a km zero”.

Caffeina news by AdnKronos

www.adnkronos.com

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it