napoli voragine auto inghiottita

Voragine in strada: auto inghiottita, una famiglia in ospedale e 800 famiglie senza acqua

Si parla spesso di sicurezza stradale e problematiche idrogeologiche in Italia. Ma quello che è avvenuto a Fuorigrotta, quartiere a ovest di Napoli, ha dell’incredibile. Siamo nella tarda serata di mercoledì 4 agosto in via Leopardi, all’altezza del civico 192, nel popoloso Rione Lauro. Una voragine si apre nella strada e una Fiat Panda con all’interno un’intera famiglia viene inghiottita dall’asfalto. La macchina è sprofondata per metà ed è rimasta incastrata.

Dentro ci sono papà, mamma e figlio e solo per un’incredibile fortuna non ci sono stati morti. Gli occupanti dell’auto, portati in ospedale, hanno riportato solo ferite superficiali e un grosso spavento. L’incidente, però, ha provato gravi conseguenze per il quartiere: oltre 800 famiglie si sono infatti ritrovate senza acqua e gas. Un disservizio che è durato diverso tempo, tanto che c’è stata anche una protesta da parte dei cittadini che hanno bloccato la strada.

napoli voragine auto inghiottita

Stando alle prime ricostruzioni l’asfalto sarebbe ceduto all’improvviso proprio mentre stava transitando la Panda. C’è stato come un boato e l’automobile è stata inghiottita per metà dalla strada, restando in verticale con il muso nella voragine. Per salvare le tre persone all’interno dell’abitacolo sono dovuti intervenire i vigili del fuoco. Proprio per poter comprendere la natura dell’incidente ed evitare ulteriori problemi le squadra dell’azienda speciale dell’acqua ha dovuto interrompere la fornitura idrica nella zona.


napoli voragine auto inghiottita

Le operazioni di ripristino dei servizi e del manto stradale si preannunciano non semplici. La zona infatti ricade all’interno di un parco privato e in una zona molto popolosa. Si deve capire chi ha competenza per effettuare l’intervento. Intanto i residenti, privati di acqua e gas, sono scesi in strada per protestare. Così, dopo l’arrivo dei tecnici Abc, l’azienda dei beni comuni, e dei vigili del fuoco, sono dovuti intervenire anche i poliziotti per ristabilire l’ordine.

Con ogni probabilità il crollo è avvenuto a seguito di un’infiltrazione d’acqua nel sottosuolo. Come detto, sempre per questioni di sicurezza i tecnici hanno proceduto all’interruzione della fornitura nella zona di acqua e gas. Per fortuna la tragedia è stata soltanto sfiorata. Ora, però, vanno ripristinati sia il manto stradale che i servizi interrotti. Intanto i cittadini protestano: “Non vogliamo restare un’ora di più senza acqua”.

Pubblicato il alle ore 17:35 Ultima modifica il alle ore 17:35