“Ora ce l’hanno i carabinieri”. Viviana Parisi e Gioele, trovato pezzo del seggiolino del bimbo. Era vicino al traliccio

È emerso un altro terribile dettaglio riguardo la morte di Viviana Parisi e la scomparsa del figlio: l’aggancio che assicura il seggiolino per bambini al sedile dell’auto è stato trovato a poca distanza dal traliccio dell’alta tensione sotto il quale è stato scoperto il corpo senza vita di Viviana da un inviato della trasmissione di Rai 3 Chi l’ha visto.

Come sappiamo, il programma tv, condotto da Federica Sciarelli, alla morte della donna, una dj di Torino trapiantata in Sicilia, e alla scomparsa del figlio di 4 anni Gioele ha dedicato uno speciale. Non è stato accertato se l’aggancio fosse del seggiolino dell’auto di Viviana. L’oggetto è stato consegnato ai carabinieri. Viviana si è allontanata nei boschi col figlio il 3 agosto dopo aver avuto un incidente sulla Messina-Palermo. (Continua a leggere dopo la foto)


La donna è stata trovata cadavere l’8 agosto. Del bambino non c’è traccia. Oggi, intanto, si è tenuto in prefettura un incontro sulle attività di ricerca del piccolo Gioele. Alla riunione hanno partecipato il prefetto di Messina, Maria Carmela Librizzi, che coordina le attività di ricerca e il Procuratore della Repubblica di Patti, Angelo Cavallo. (Continua a leggere dopo la foto)

Naturalmente continueranno ad operare 21 unità di personale dei vigili del fuoco di Messina, comprese quattro squadre cinofile, tre topografi applicati al soccorso e un’unità di comando locale su autofurgone UCL, 14 unità del Dipartimento Regionale di Protezione Civile, comprese tre squadre cinofile, 6 unità del Corpo Forestale e 2 unità del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}
Ma non solo perché a questi si aggiungeranno tre aliquote da 10 uomini ciascuna della Brigata Meccanizzata “Aosta”, i cui rappresentanti erano presenti all’incontro odierno, che saranno impegnate in attività di rastrellamento delle zona ove è avvenuta la scomparsa, ormai estesasi per un’area pari a circa 750 ettari. Il prefetto di Messina ha dichiarato che il piccolo Gioele è, ormai, entrato nel cuore di tutti e che nulla è stato lasciato di intentato per raggiungere l’obiettivo del suo ritrovamento.

Aggiornamento

Nelle ore successive, il padre del piccolo Gioele, Daniele Mondello, ha dichiarato di non riconoscere l’aggancio.

Di Gianluca Salza

Ti potrebbe anche interessare: “L’urto è stato forte e il bambino non c’era”. Viviana Parisi, parla l’operaio coinvolto nel suo incidente