Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Vivere in una splendida villa romana pagando (massimo) dieci euro al mese di affitto

Una delle tante bellezze di Roma sono le sue ville: dimore storiche con parchi immensi, fruibili dai cittadini perché di proprietà comunale. Ce ne sono tante, tutte famose e molto frequentate. Ognuna ha la casa del custode, ma nella quasi totalità dei casi sono disabitate perché gli ultimi custodi sono morti. Il comune ne ha assunti di nuovi, ma non riesce a farli insediare perché gli appartamenti che spettano loro sono occupati. Da chi? Ex custodi pensionati, ex mogli, ex compagne, occupanti di vario genere e rom che hanno approfittato dell’occasione. Pagano afitti quasi inesistenti, massimo dieci euro. Una storia raccontata dall’edizione romana della Repubblica spiega che il comune non riesce a mandare via gli abusivi per permettere ai nuovi custodi di prendere servizio. L’esempio più eclatante, spiega il quotidiano, è quello di Villa Ada: una casa di 110 metri quadrati con affaccio su via Salaria dove l’ex moglie dell’ex direttore del Servizio Giardini è rimasta anche dopo la sua morte.

(continua dopo la foto)


“La guardiola, che da fuori sembra un rudere di campagna abbandonato, non appena si varca la porta diventa una casa elegante, progettata da un architetto d’interni, che ha giocato l’arredamento sui toni del bianco, con sedute in pelle nel salone e una guida rossa a contrasto lungo le stanze. Villa Ada non è un caso isolato. La storia si ripete a Villa Fassini sulla Tiburtina dove l’abitazione del custode è occupata da rom, ma mesi prima ci viveva una famiglia agli arresti domiciliari; a Villa Celimontana e a Porta Metronia le cui case di servizio sono abitate da ex custodi, oggi in pensione; al Parco di San Sebastiano dove vive una famiglia con un ragazzo disabile. Come spiega il quotidiano, una delibera del 1997 obbliga i custodi a lasciare le case alla fine della loro attività, ma di fatto il comune non è mai riuscito a fare nulla. Così i parchi rimangono praticamente senza regolare guardiania e c’è un mancato introito da parte dell’amministrazione.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004