I cavi elettrici toccano la betoniera. Valentino, 43 anni, muore folgorato: lascia moglie e due figli

Aveva 43 anni e stava lavorando all’interno di un cantiere edile, per l’ampliamento della casa del custode presso l’azienda agricola ‘La Tordera’, a Vidor nel trevigiano. Probabilmente una distrazione è la causa dell’incidente e l’uomo rimasto folgorato. Si tratta di un operaio esperto, originario di Conegliano, sposato e con due figli di 12 e 8 anni. La vittima si chiamava Valentino Zanutto, era residente a Farra di Soligo ed è deceduto nel pomeriggio di venerdì 5 novembre.

Valentino Zanutto è stato un ex ciclista dilettante: “Negli anni 2000 eri con noi in squadra – ricorda il Team Bibanese – abbiamo passato dei bellissimi momenti insieme e con diverse vittorie, purtroppo oggi abbiamo saputo la tragica notizia siamo rimasti senza parole. Ci stringiamo a tutta la famiglia e porgiamo le più sentite condoglianze da tutto il team e lo staff. Ciao Valentino”. “Valentino ha corso anche con la Trevigiani nel ‘98 e ‘99 assieme a Pellizotti – ricorda l’ex diesse e professionista Marco Zen – me lo ricordo benissimo perché in quei anni ero direttore sportivo della Trevigiani, era un ragazzo splendido”.

valentino zanutto operaio morto fologorato

Secondo una prima ricostruzione dei fatti fornita dai colleghi, il 43enne sarebbe stato investito da una scarica elettrica provocata dal contatto tra i conduttori elettrici ad alta tensione e il braccio meccanico della betoniera con la quale lavorava. Sono stati vani i tentativi di rianimarlo da parte del 118, l’uomo è morto sul colpo. Sul posto sono accorsi i carabinieri, Spisal e Suem. A causa dell’uro tra il braccio meccanico e il palo dell’alta tensione c’è stata una potentissima scarica elettrica che purtroppo non ha lasciato scampo all’operaio (foto Oggitreviso.it).


valentino zanutto operaio morto fologorato

Valentino Zanutto, originario di Conegliano, viveva a Farra di Soligo ormai da anni insieme alla famiglia ed era molto noto nel suo comune. Lascia la moglie e i due figli piccoli ai quali dedicava tutto il suo tempo libero fuori dal lavoro. Con altri colleghi era intervenuto nel pomeriggio di venerdì 5 novembre presso l’abitazione del custode di un’azienda vitivinicola. Sono stati proprio gli altri operai a chiamare i soccorsi quando Zanutto è rimasto vittima dell’incidente sul lavoro.

valentino zanutto operaio morto fologorato
valentino zanutto operaio morto fologorato

Purtroppo nulla hanno potuto fare i soccorsi del Suem. Una volta giunti sul posto, hanno solo potuto constatarne il decesso. Indagano ora sulla tragedia gli agenti della stazione di Valdobbiadene insieme al nucleo Spisal dell’Usl 2. L’intera comunità di Farra di Soligo è letteralmente sconvolta e si è stretta attorno alla famiglia del giovane lavoratore. Sono tantissimi i messaggi di cordoglio degli amici sui profili social della vittima. In tanti lo ricordano come un papà premuroso e un marito affezionato. Zanutto amava viaggiare insieme ai figli e alla compagna Paola.

Pubblicato il alle ore 11:28 Ultima modifica il alle ore 11:28