Josh Forwood precipita val seriana

In montagna con la troupe televisiva, scivola e precipita per oltre 150 metri. Soccorso alpino e 118 sul posto

È precipitato per circa 150 metri nella zona tra la diga di Valmorta e la diga del Barbellino a Valbondione il documentarista di National Geographic rimasto gravemente ferito e ricoverato in condizioni critiche all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Josh Forwood, 35 anni, documentarista inglese del National Geographic originario di Bristol stava lavorando insieme a una  troupe del canale televisivo e dell’omonima rivista. Specializzato nell’uso di droni, il 35enne stava realizzando un servizio sugli stambecchi che vivono nella zona della diga del Barbellino. L’allarme è stato lanciato poco prima delle 17 di venerdì 9 luglio.  

Josh Forwood national geographic precipita

Sul posto sono intervenuti il soccorso alpino di Clusone, la Croce rossa e l’elisoccorso da Bergamo, i quali hanno raggiunto la zona vicino al rifugio Curò per i soccorsi. L’uomo è stato recuperato e trasportato intorno alle 18 a Bergamo in codice rosso: le sue condizioni sarebbero molto gravi. 


Josh Forwood national geographic precipita

Come ricostruisce L’Eco di Bergamo l’operatore si trovava in zona da una settimana con quattro colleghi per realizzare per conto della rivista National Geographic, riprese cinematografiche con apparecchiature sofisticate e droni sulla fauna selvatica locale.

A oltre duemila metri, in una zona impervia ma attrezzata con funi di acciaio, il documentarista del National Geographic ha messo male il piede ed è precipitato per oltre 150 metri. Immediata la chiamata dei soccorsi da parte della troupe che si trovava con il 35enne.

Pubblicato il alle ore 11:43 Ultima modifica il alle ore 11:43