Un signor attico! 630 metri quadrati su due piani, a due passi da piazza di Spagna. Valore 11 milioni di euro. E’ la “modesta” dimora di un numero uno della politica italiana. Che ha deciso di vendere. Qualcuno è interessato?

 

Vendesi lussuoso attico. Grande 630 metri quadrati. Al costo di undici milioni di euro. Non esattamente una cifra alla portata di tutti, ma chissà, forse il prezzo finale include anche il fatto che per decenni qui vi abbia soggiornato un pezzo da novanta della prima Repubblica, Ciriaco De Mita. E chissà quanti incontri, accordi fra quelle quattro mura. Oggi i tempi sono cambiati, c’è crisi. E magari De Mita avrà deciso di vendere. A fornire l’indiscrezione il Corriere della Sera. L’ex presidente della Democrazia Cristiana avrebbe messo in vendita il grande appartamento in via Arcione per una cifra molto vicina agli 11 milioni di euro. Ovviamente, trattativa riservata.

{loadposition intext}


(Continua a leggere dopo la foto) 

È proprio in questa dimora che Ciriaco De Mita, che nonostante l’età, classe 1928, è ancora in attività Sindaco di Nusco, si trasferì poco dopo la nomina a presidente del Consiglio, nel 1988. L’immobile è di lusso, adeguato alla carica di un tempo.

(Continua a leggere dopo la foto) 

Come riporta l’annuncio: “Attico di 630 metri quadri a via in Arcione, a due passi da piazza di Spagna, Fontana di Trevi e piazza Barberini, con 530 metri quadri di appartamento su due piani e 93 metri quadri di verande”. Poi ci sono le terrazze, per altri 200 metri quadri. Impossibile, però, vedere all’interno l’immobile. Trattativa riservata, appunto, nella massima riservatezza. Pare, comunque che l’arredo sia particolarmente sontuoso. E grande.

(Continua a leggere dopo la foto) 

Per fare spazio alla famiglia del potente politico, la moglie e due dei quattro figli, furono infatti uniti tre appartamenti al quarto e quinto piano del settecentesco palazzo Gentili del Drago. Ovviamente dopo accurato restauro, con vetri antiproiettile, pannelli contro sguardi indiscreti e porte d’acciaio. Non mancano rifiniture di pregio, marmi, maioliche, parquet e rifiniture di grande pregio. Comprese le iniziali di De Mita sulle maniglie delle porte. Pare. Eventualmente andranno cambiate.

Ti potrebbe interessare anche:  “Venite in Italia, qui si ruba”; sgominata la gang romena dei furti in villa

Pubblicato il alle ore 08:31 Ultima modifica il alle ore 11:31