Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Non cliccate”. La nuova truffa sullo smartphone, l’appello della polizia postale: “Vi rubano i dati”

  • Italia

Proroga o cancellazione immediata, il Green Pass continuare a tenere banco e non mancano le polemiche. L’ultima scoppiata oggi con un odg presentato dal Movimento 5 stelle. Una linea bocciata immediatamente da Giuseppe Conte che si è sbrigato a spiegare come ‘l’abolizione non sia la linea del movimento’. E’ una posizione singolare, francamente mi sembra una posizione che non corrisponde alla linea fin qui seguita”.


“Chi lo firma – le parole dell’ex premier, a quanto apprende l’Adnkronos – si assume una grande responsabilità davanti al paese”. “Il Green pass ha costituito un buon compromesso rispetto alle varie opzioni in campo”, ha osservato il leader M5S intervenendo durante la congiunta pentastellata, replicando poi così agli interventi dei parlamentari: “Dire che siamo fuori dalla pandemia non è proprio corretto, stiamo transitando nella fase dell’endemia. Non possiamo smantellare e dismettere le misure di precauzione sin qui adottate”.

truffa green pass



“Noi siamo quelli che si sono assunti una responsabilità durante la pandemia e continuano ad averla però possiamo legittimamente rivendicare con il governo stesso un dialogo per lavorare insieme a una prospettiva di allentamento delle misure”, ha quindi aggiunto Conte. E ancora: “Non è vero che la nostra delegazione governativa non ha lavorato e non invidio affatto il ruolo istituzionale che Sileri ha”, un ruolo che “lo costringe a subire malumori e insofferenza che si diffondono tra la popolazione e anche tra i ‘portavoce'”, ha osservato.

covid certificazione verde


Intanto mentre si discute un falso avviso sul Green pass correre dietro l’ultima truffa sul cellulare. “Attenzione, in atto un nuovo tentativo di phishing COVID19. Un falso sms apparentemente inviato dal ministero della Salute vi avverte che il vostro Green pass è stato clonato. Non cliccate sul link. I dati personali che inserite vengono rubati”, è l’allerta lanciato, via social, dalla Polizia di Stato.

green pass mascherine covid


L’sms incriminato continua affermando che per evitare il blocco del Green Pass si deve procedere con una verifica dell’identità cliccando su un URL ovviamente sospetto. Non è una modalità nuova di phishing, visto che arrivano sms simili intestati a banche, Poste Italiane e altri organi più o meno importanti.