tromba d'aria carpi

Devastante tromba d’aria: aeroporto distrutto, case e capannoni scoperchiati. “In trenta secondi è volato tutto”

Una violenta tromba d’aria si è abbattuta Fossoli di Carpi, in provincia di Modena, in Emilia Romagna. Domenica 19 settembre la zona agricola con alcuni capannoni e diverse case è stata investita da un fortissimo vento che ha scoperchiato le strutture che ha trovato sulla sua strada.

Non solo. La tromba d’aria, arrivata a 300 chilometri orari, ha provocato anche danni ingenti anche all’aeroporto di Fossoli, sede dell’aeroclub e utilizzato principalmente per il volo da diporto. Un hangar e sette velivoli sono andati completamente distrutti. Non ci sono feriti e i soccorsi di forze dell’ordine e vigili del fuoco non sono serviti per mettere in salvo le persone presenti. I piloti che al momento dell’arrivo del tornado si trovavano nella struttura si sono barricati e per fortuna non hanno riportato nessuna conseguenza.

tromba d'aria carpi

Carpi, tromba d’aria distrugge aeroporto, case e capannoni

“In trenta secondi è volato via tutto, i danni sono incalcolabili e l’attività di volo starà ferma per molto tempo. La tromba d’aria si è ingrandita in meno di un minuto e ci siamo riparati in bagno e dietro i divani. Cinque minuti prima – ha raccontato il presidente dell’aeroclub di Carpi, Franco Cavazza – era decollato un aereo, che non ha avuto problemi”.


tromba d'aria carpi

Secondo una prima stima dei danni della tromba d’aria che si è abbattuta sulla zona intorno alle 17 di domenica 19 settembre – ad avere la peggio è stato proprio l’aeroporto, con la perdita di alcuni aerei e un hangar. Danni anche nella zona intorno, con diverse case e capannoni agricoli scoperchiati.

“Una situazione incredibile – ha detto al Resto del Carlino il sindaco di Carpi Alberto Bellelli – si vedeva questo cono totalmente decontestualizzato che imperversava. Immagini che ricordano gli Stati Uniti, non mi sarei mai aspettato di vederle qui. Fortunatamente non ci sono feriti, sono stati danneggiati l’aeroporto e almeno tre abitazioni. Ora vediamo come organizzare l’accoglienza”. Il video della tromba d’aria

Pubblicato il alle ore 07:45 Ultima modifica il alle ore 07:45