Dramma sul lavoro, muore a 24 anni sotto gli occhi dei colleghi. Soccorsi inutili

Incidente sul lavoro, muore un ragazzo di 24 anni. Succede nel trevigiano, a Susegana dove il ragazzo, di origine senegalese, viveva da tempo. A quanto si apprende il ragazzo è precipitato per una ventina di metri, ed è deceduto all’istante, nell’impatto al suolo. Il dramma è avvenuto all’interno della Fornaci Grigolin, un’azienda locale che produce materiali per l’edilizia. Sul posto sono intervenuti i sanitari del Suem, assieme ai carabinieri e ai tecnici dello Spisal, che stanno lavorando sulla dinamica e le cause dell’incidente.


Le Fornaci si trovano nella frazione di Susegana, in via Ex Bombardieri. Secondo quanto scrive il quotidiano Il Gazzettino, dopo l’incidente i colleghi hanno tentato di rianimare il giovane in attesa dei soccorsi ma per lui non c’è stato nulla da fare. Un inizio anno nero.

incidente


Le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale presentate all’Inail tra gennaio e aprile sono state 306, ovvero 26 in più rispetto alle 280 registrate nel primo quadrimestre del 2020, quindi con un incremento del 9,3%. Il dato è in linea con quelle del primo quadrimestre 2019 (303 eventi mortali) quando però non si registravano rallentamenti dell’attività produttiva legati alle misure di contenimento della pandemia.


incidente


L’Istituto precisa come il confronto tra il 2020 e il 2021 richieda invece cautela “in quanto i dati delle denunce mortali degli open data mensili, più di quelli delle denunce in complesso, sono provvisori e influenzati fortemente dalla pandemia”. Scendendo più nello specifico, i dati rilevati al 30 aprile evidenziano per il primo quadrimestre 2021 una diminuzione solo dei casi in itinere (ossia negli spostamenti casa – lavoro, ridotti a causa del ricorso al lavoro a distanza), passati da 60 a 48, mentre quelli avvenuti sul posto di lavoro sono stati 38 in più (da 220 a 258).

incidente

L’incremento, rileva l’Inail, ha riguardato tutti i grandi settori economici. Nell’industria e nei servizi le vittime sono state 10 in più (da 253 a 263 denunce), così come nell’agricoltura che sale da 15 a 25. A livello geografico le vittime crescono nel Nord-Est (da 51 a 66 casi mortali), nel Centro (da 44 a 56) e nel Mezzogiorno Sud (da 62 a 87).

Pubblicato il alle ore 21:52 Ultima modifica il alle ore 21:52