“Tre cicciottelle”. Continua a far discutere il titolo sulle azzurre del tiro con l’arco offese da un quotidiano. E ora, inaspettato, il colpo di scena. Ecco cosa è successo in poche ore

 

La ‘bufera’ sul Qs Quotidiano Sportivo dopo il titolo ”Il trio delle ciocciottelle…” riguardo alle atlete della squadra azzurra del Tiro con l’arco impegnate nei Giochi olimpici di Rio de Janeiro, a cui è seguita la decisione dell’editore Riffeser Monti di rimuovere il direttore Giuseppe Tassi, con tanto di scuse, non ha mancato di far discutere anche la rete che si è in gran parte schierata dalla parte delle azzurre. “Siamo tutte cicciottelle”, è stata l’alzata di scudi sul web in favore delle atlete italiane.

C’è anche chi nel termine ‘cicciottelle’ ha visto una accusa sessista: ‘Non lo avrebbero mai scritto per 3 uomini’, chi derubrica la vicenda come un atto di superficialità, e chi parla di un eccesso di ‘politically correct’ nel criticare un titolo di giornale.


(Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

La prima replica all’articolo apparso ieri sul Qs era arrivata da Rio de Janeiro, una lettera aperta del presidente della Federazione italiana di Tiro con l’Arco, Mario Scarzella, sceso in campo in difesa delle sue atlete. Il numero uno della Fitarco ha definito “irriguardoso” il trattamento rivolto alle atlete Guendalina Sartori, Lucilla Boari e Claudia Mandia. “Se fosse una rivista scandalistica non avremmo nulla da dire, ma focalizzare l’attenzione sull’aspetto fisico di queste ragazze su un quotidiano, che scandalistico non dovrebbe essere considerata la sua lunga e prestigiosa storia, è stato davvero di cattivo gusto”, ha aggiunto Scarzella.

 

“Ci chiediamo in effetti se si possa definire giornalismo serio un titolo come questo, soprattutto in un giorno difficilissimo per delle giovani ragazze all’esordio Olimpico, che hanno lavorato per quattro anni nel silenzio dei media per vivere una delle delusioni più cocenti della loro vita, sia personale che sportiva – sottolinea Scarzella -. Una sconfitta, che tale non è, perché il quarto posto a squadre nel femminile resta il miglior risultato del tiro con l’arco italiano nella storia dei Giochi Olimpici, che purtroppo le segnerà per tutta la vita, ben sapendo che non c’è nessuna certezza per loro di poter godere di una seconda opportunità per riscattarsi”.

“Per poterlo fare hanno fatto dei sacrifici che probabilmente nemmeno immagina, rinunciando a gran parte delle cose che le loro coetanee considerano normalità. Per 4 anni hanno lavorato sodo per tenere alto l’onore italiano in occasione dei Giochi Olimpici. Quella di ieri è stata per l’Italia femminile una vera impresa e ridurre il tutto con un titolo che le definisce delle semplici ‘cicciottelle’ lo consideriamo davvero di cattivo gusto”, conclude il presidente della Federazione italiana di Tiro con l’Arco. Quella sulla misura del girovita degli atleti azzurri non è una prima assoluta, ad essere nel centro del mirino 4 anni fa a Londra furono gli azzurri protagonisti dell’exploit che li portò a conquistare l’oro a squadre sempre nell’arco, all’epoca per Galiazzo e compagni si parlò di “arcieri extralarge” alla conquista delle olimpiadi.

Caffeina by Adn Kronos

www.adnkronos.com

“È il Trio delle cicciottelle”. Dopo questo titolo sul giornale italiano scoppia la polemica. Tutti si schierano con le bravissime olimpioniche: “Vergogna”. Ecco cosa sta succedendo

Pubblicato il alle ore 15:05 Ultima modifica il alle ore 11:31