“Talmente ubriachi…”. Incidente sul lago, la testimonianza sui tedeschi a bordo del motoscafo

Emergono nuove indiscrezioni sul caso della morte di Umberto Garzarella e Greta Nedrotti, il 37enne e la 25enne morti dopo essere stati travolti da un grosso motoscafo, un Riva, nel lago di Garda, precisamente a Salò. L’uomo è morto sul colpo e ritrovato cadavere all’alba, mentre la ragazza, originaria di Toscolano Maderno, è stata ritrovata in fondo al lago solo nel tardo pomeriggio di domenica 20 giugno, con le gambe parzialmente amputate.

Umberto Garzarella, 37 anni, era un artigiano residente a Salò, mentre Greta Nedrotti, 25 anni, era una studentessa e impiegata in uno studio fiscale di Toscolano. I due sono stati falciati mentre erano al largo su una piccola barca in legno da un motoscafo sul quale si trovavano due turisti tedeschi indagati a piede libero per omicidio colposo e omissione di soccorso.

incidente lago garda tedeschi ubriachi

“Già nelle prime ore della mattina – si leggeva ieri su ‘Gardapost.it’. – gli inquirenti avevano individuato il mezzo, a quanto pare noleggiato in un cantiere della zona, e avevano rintracciato le persone che si trovavano a bordo del natante”. A La Stampa alcuni frequentatori della nautica hanno raccontato di aver visto la coppia di tedeschi.


incidente lago garda tedeschi ubriachi

“Al rientro erano talmente ubriachi che per aiutarli a ormeggiare è intervenuta una coppia, medico lui e infermiera lei, appena rientrata con la propria imbarcazione”, hanno raccontato a La Stampa. “Il motoscafo dei due tedeschi (entrambi 52enni) aveva un grande squarcio sulla prua, stava affondando. Ovviamente non avevamo idea di cosa fosse successo. Conosciamo il proprietario del Riva da quindici anni. Viene qui quattro settimane ogni estate con la famiglia”. 

incidente lago garda tedeschi ubriachi
incidente lago garda tedeschi ubriachi

I due sono stati denunciati perché la normativa sull’omicidio stradale – che prevede l’arresto in caso di aggravante come la fuga e l’omissione di soccorso –  non può essere estesa alla circolazione nautica. E infatti sono già tornati in Germania, a Monaco, dove abitano. C’è il sospetto che i due fossero ubriachi e per questo motivo di attendono gli esiti del test tossicologico. Stando ad alcuni testimoni, infatti, i due avrebbero bevuto prima dell’incidente e dopo l’incidente, visto che sono stati avvistati in un ristorante.

Pubblicato il alle ore 20:40 Ultima modifica il alle ore 20:40