Terremoto a Roma: prima uno boato poi la scossa forte. Paura e gente in strada

Terremoto a Roma. Una scossa di terremoto è stata avvertita distintamente nella capitale all’alba. Il sisma ha avuto come epicentro l’area di Fonte Nuova, comune in provincia di Roma. Secondo i dati degli Ingv il terremoto di magnitudo 3.3 è avvenuto alle 5.03 ad una profondità di 10 km. L’epicentro è stato localizzato a 5 km da Fonte Nuova, 9 da Mentana e 10 da Monterotondo, comuni a Nord Est di Roma.

Secondo quanto si apprende da una prima ricognizione della Protezione Civile, non si segnalano danni a persone o a cose. “Al momento alle sale operative dei vigili del fuoco non sono giunte richieste di soccorso né segnalazioni di danni”, si legge in un tweet pubblicato dai vigili del fuoco. (Continua a leggere dopo la foto)


“Non parliamo di una forte scossa di terremoto, questa è una magnitudo frequente nel nostro paese. Scosse come queste di magnitudo 3.3 ne registriamo centinaia se non migliaia durante l’anno. La scossa che è stata avvertita a Roma ha svegliato molte persone ma non ha generato danni nei Comuni di Fonte Nuova, Mentana e Monterotondo che sono i comuni più prossimi alla zona epicentrale”, ha detto Pierfrancesco De Milito, capo ufficio stampa della Protezione Civile intervenendo a ‘RaiNews 24’. (Continua a leggere dopo la foto)

“La tranquillità non è un atteggiamento da applicare al rischio sismico – ha aggiunto – ma sapendo che l’Italia è un paese esposto a questo rischio, non dobbiamo meravigliarci o spaventarci di scosse come queste”. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}
Il terremoto “è stato avvertito entro qualche decina di chilometri” ed è stato “avvertito da qualche milione di persone”, ha scandito a SkyTg24 il sismologo dell’Ingv, Alessandro Amato. Questo sisma, ha osservato l’esperto “ci ha svegliato bruscamente”.

Ti potrebbe anche interessare: Coronavirus fase 2, riaprono parrucchieri, bar e ristoranti. Ecco quando