La terra trema ancora in Italia, sisma in mattinata. Tanta paura tra i residenti: cosa è successo

Anche se è una zona altamente sismica, la paura c’è sempre: una scossa di terremoto di magnitudo 2.6 è stata registrata alle 9.09 di questa mattina nella zona Flegrea. L’evento sismico, rilevato dalla Sala Operativa dell’Osservatorio Vesuviano/INGV, è stato localizzato con epicentro a 5 km da Pozzuoli, ad una profondità di 2 km. La scossa è stata avvertita nitidamente dalla popolazione dei comuni flegrei e anche in alcuni quartieri della città di Napoli. la direttrice dell’Osservatorio Vesuviano/Ingv, Francesca Bianco, ha detto: “L’attività vulcanica dei Campi Flegrei è costantemente monitorata dalle reti di monitoraggio dell’Osservatorio Vesuviano, in accordo con il Dipartimento della Protezione Civile”.

E ancora: “I parametri geofisici e geochimici analizzati indicano il perdurare dei trend registrati dei mesi precedenti. Allo stato attuale non si evidenziano elementi tali da suggerire significative evoluzioni del sistema a breve termine, fermo restando che una eventuale variazione dei parametri monitorati (sismologici, geochimici e delle deformazioni del suolo) può comportare una diversa evoluzione degli scenari di pericolosità”. (Continua a leggere dopo la foto)


C’è da riportare che a seguito dell’evento sismico di questa mattina, l’amministrazione comunale di Pozzuoli invita la cittadinanza a non “avvicinarsi all’area di emissione di fluidi di Pisciarelli per il pericolo di emissioni di fango ad alta temperatura”. Il sisma “potrebbe essere stato avvertito come boato – si legge in una nota del Comune – dagli abitanti dell’area prossima all’epicentro”. (Continua a leggere dopo la foto)

Inoltre “dal 2012 il dipartimento nazionale di Protezione ha elevato il livello di allerta vulcanica dei Campi Flegrei da verde (base) a gialla (attenzione). L’innalzamento del livello di allerta ha comportato il rafforzamento del monitoraggio scientifico e delle attivita’ di pianificazione e prevenzione”. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}
In considerazione di cio’, l’amministrazione comunale insieme alla protezione civile del Comune di Pozzuoli è impegnata a “garantire alla popolazione un costante aggiornamento sull’evoluzione del fenomeno bradisismico in atto con il fine di fronteggiare qualsiasi eventuale situazione critica”.

Ti potrebbe anche interessare: “È stato ucciso…”. A tre anni dalla scomparsa dell’amato cantante è la moglie a puntare il dito: “Una morte evitabile”