Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Scuole aperte anche d’estate, la decisione del ministro dell’Istruzione: come funziona

  • Italia
scuola estate rivoluzione come funziona

Un’autentica rivoluzione sta per verificarsi nel mondo della scuola. Proprio pochi giorni fa era scoppiata una polemica sulla pausa estiva ritenuta eccessivamente lunga. La richiesta da parte delle organizzazioni WeWorld e Mammedimerda è stata quella di “Rimodulare il calendario scolastico”. “Il nostro calendario vanta due tristi primati – sostengono le due realtà associative – il primo è la pausa estiva più lunga d’Europa (insieme a Lettonia e Malta. Eurydice, 2022).

Le 14 settimane di pausa estiva nascevano per permettere ai bambini e alle bambine di aiutare i genitori a raccogliere il grano nei campi. Una misura di conciliazione che però non si è evoluta al passo delle esigenze delle famiglie. E il secondo è che abbiamo uno dei sistemi più stressanti del mondo: gli eccessivi carichi di lavoro concentrati nello stesso periodo di tempo, infatti, comportano effetti negativi non solo sul rendimento scolastico, ma anche sul benessere psicofisico”. Ora il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara ha firmato un decreto che va proprio in questa direzione.

Leggi anche: La buona scuola? Crea nuovi mondi per i ragazzi

scuola estate rivoluzione come funziona


Cosa e per chi cambia l’estate a scuola

Come riporta Mario Ajello su Il Messaggero il ministro dell’Istruzione e del Merito ha firmato il decreto che stanzia 400 milioni di euro per finanziare attività di inclusione, socialità e potenziamento delle competenze per il periodo di sospensione estiva delle lezioni. Non tutte le scuole, però, saranno destinatarie del provvedimento.

scuola estate rivoluzione come funziona

Il provvedimento riguarda le scuole primarie e secondarie statali e paritarie non commerciali e interessa gli anni scolastici 2023/24 e 2024/25. Il ministero vuole fare in modo che la scuola resti un punto di riferimento sempre. Per raggiungere l’obiettivo ci sono 80 milioni di euro in più rispetto al progetto del precedente biennio. Ciò permetterà di attivare percorsi che potranno interessare, in base alle proposte delle scuole, tra 800 mila e 1,3 milioni di studenti; 1,714 milioni le ore aggiuntive di attività. In futuro anche altri istituti potrebbero essere interessati.

“Lo avevamo promesso lo scorso anno e ora, anche grazie a un incremento sostanzioso dei fondi, siamo in grado di mettere in campo un Piano estate ampliato e rinnovato – ha fatto sapere il ministro Valditara – Il nostro obiettivo è una scuola che sia punto di riferimento per gli studenti e per le famiglie anche d’estate, con sport, attività ricreative, laboratori o attività di potenziamento, ricorrendo a tutte le sinergie positive possibili, dagli enti locali alle associazioni del terzo settore”.

“Una scuola – conclude il ministro – che sia sempre più un luogo aperto, parte integrante della comunità per tutto l’anno, realizzando attività di aggregazione e formazione soprattutto per i bambini e i ragazzi che, in estate, non possono contare su altre esperienze di arricchimento personale e di crescita a causa delle esigenze lavorative dei genitori o di particolari situazioni familiari”.

“Ecco perché è morta”. Paola Gassman, la confessione del marito Ugo


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004