Auto contro bus, Sara si arrende in ospedale poco dopo lo schianto. Aveva 28 anni

Una ragazza di 28 anni, Sara Cuomo, ha perso la vita questa mattina poco prima dell’alba in un incidente stradale a Crevalcore, nel Bolognese, sulla statale che conduce a Sant’Agata. La giovane era alla guida di un’utilitaria Kia Picanto, e, per cause da accertare, avrebbe invaso la corsi opposta, mentre sopraggiungeva un pullman, senza passeggeri a bordo. Nell’urto l’utilitaria si è incastrata sotto il pullman. La ragazza è stata estratta ancora viva dalla sua vettura dai vigili del fuoco. Nell’impatto ha riportato gravi lesioni.


Sara Cuomo è stata trasportata in codice rosso all’ospedale Maggiore di Bologna ma è morta poco dopo l’arrivo. Si ipotizza anche un malore che ha portato la giovane a perdere il controllo della sua macchina. Illeso il conducente della corriera che fortunatamente non aveva nessuno a bordo in quel momento. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, i vigili del fuoco e le squadre Anas per la gestione della viabilità.

soccorsi

Sara Cuomo è l’ultima vittima della strada

A seguito del sinistro dove ha perso la vita Sara Cuomo la strada statale 568 ‘di Crevalcore’ è stata provvisoriamente chiusa all’altezza del tratto al km 22,185 a Crevalcore (provincia di Bologna). Per bloccare il traffico durante i soccorsi è stato utilizzato un bus Tper di linea 576 che era diretto a Bologna. I passeggeri si sono distribuiti sugli altri bus diretti a Bologna.


ambulanza


Quello di Sara Cuomo è solo l’ultimo incidente. Nel 2020 il lockdown imposto dalla pandemia ha per forza di cose ridotto il numero degli incidenti stradali, anche se in 17 province su 107 la conta dei morti è aumentata: lo rileva uno studio realizzato da Aci e Istat, secondo il quale lo scorso anno in termini complessivi sulle strade italiane si sono registrati 118.298 incidenti con lesioni a persone, che hanno causato 2.395 decessi e 159.248 feriti.

polizia


In media, rispettivamente, 324 incidenti, 6,5 morti e 436 feriti ogni giorno. Tra le Province in cui si è assistito a un incremento del numero delle vittime ci sono Oristano (+140%; 12 morti nel 2020, 5 nel 2019), Barletta-Andria-Trani (+120%; 22 morti nel 2020, 10 nel 2019) e Sud Sardegna (+76,5%; 30 morti nel 2020, 17 nel 2019). Inoltre, Oristano e Sud Sardegna portano la regione ad essere l’unica con un aumento di morti rispetto all’anno precedente.

Pubblicato il alle ore 20:39 Ultima modifica il alle ore 20:39