saman abbas richiesta estradizione genitori

“I suoi genitori”. Saman Abbas, svolta nel caso della 18enne scomparsa. La notizia ufficiale

Ancora una svolta nella vicenda della giovane pachistana Saman Abbas. La ragazza sarebbe stata uccisa nella notte tra il 30 aprile e il primo maggio dai familiari perché non avrebbe accettato il matrimonio combinato. Recentemente la polizia francese ha arrestato a Parigi, in esecuzione di un mandato europeo, lo zio Danish Hasnain. L’uomo è ritenuto colui che avrebbe ucciso materialmente la nipote. Danish non aveva documenti con sé quando è stato arrestato. È stato riconosciuto per un neo sul volto.

Lo zio è indagato insieme ad altri quattro familiari della vittima, compresi i genitori. L’unico ad essere stato arrestato fino ad ora era Ikram Ijaz, fermato a maggio a Nimes. Non si esclude che anche il cugino della diciottenne Nomanhulaq Nomanhulaq possa trovarsi in Francia. Nelle ultime ore, però, c’è stato un altro passo in avanti. Il ministro della Giustizia Marta Cartabia ha firmato la richiesta di estradizione per i genitori di Saman, Shabbar Abbas e Nazia Shaheen.

saman abbas richiesta estradizione genitori

La richiesta di estradizione rappresenta un momento fondamentale soprattutto se collegata alla notizia dell’individuazione dei genitori di Saman Abbas. L’11 settembre scorso, infatti, un giornalista di Rete4 aveva parlato con la polizia pachistana: “Dicono di sapere dove sono, ma hanno chiesto all’Italia di andare a prenderli”. Il padre e la madre di Saman Abbas sono fuggiti dall’Italia il primo maggio, il giorno dopo la presunta morte della figlia.


saman abbas richiesta estradizione genitori

Al momento ad incastrare lo zio Danish Hasnain c’è la testimonianza del fratello minorenne della ragazza: “Secondo me l’ha uccisa strangolandola, anche perché quando è venuto a casa non aveva nulla in mano”. Inoltre, in una chat con una persona a lui vicina, lo zio affermava: “Abbiamo fatto un lavoro fatto bene”. Secondo gli inquirenti le parole si riferiscono all’omicidio di Saman Abbas commesso insieme a due cugini della ragazza, Ikram Ijaz e Nomanhulaq Nomanhulaq.

Sia il cugino di Saman Abbas Ikram Ijaz che lo zio Danish Hasnain sono in carcere, mentre gli altri tre indagati, il cugino Nomanhulaq Nomanhulaq e i genitori, sono ricercati. L’ultimo messaggio del padre di Saman, Shabbar Abbas, è stato rilasciato al giornale Il resto del Carlino. Affermava che sarebbe rientrato a metà giugno. Ma ciò non è avvenuto.

Pubblicato il alle ore 11:41 Ultima modifica il alle ore 11:41