Roma, esplode villa e un uomo rimane carbonizzato al suo interno. Sembra assurdo, e intanto torna la paura in città: non immaginerete mai cosa e chic’è dietro questo fatto

 

Di questo fatto se ne parlerà sicuramente a lungo. Forse voleva dare fuoco alla casa, l’uomo morto carbonizzato in seguito all’esplosione di una villa a Ciampino, vicino a Roma. E’ una delle ipotesi al vaglio degli investigatori, i carabinieri di Frascati e di Castel Gandolfo. E’ ancora in corso l’identificazione del cadavere della vittima, dovrebbe trattarsi di un 26enne appartenente ai  Casamonica, il famoso clan dedito all’usura e alle estorsioni.

Ancora da chiarire il movente del gesto, non si esclude un motivo passionale nei confronti del proprietario, anch’egli Casamonica.


(Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

Un violento boato e poi le fiamme  hanno raccontato i testimoni ai vigili del Fuoco impegnati dalle 16 di questo pomeriggio in via Capri, all’altezza del civico 9. A dare l’allarme il proprietario dell’abitazione che ha aiutato gli agenti della squadra mobile intervenuti sul posto, a ricostruire la pianta della casa.

(Continua a leggere dopo la foto)

#roma, esplode villa a #ciampino: morto giovane #Casamonica https://t.co/VzpdhV1xot pic.twitter.com/DRrjf7asBZ

— ilmessaggero (@ilmessaggeroit) 7 agosto 2016

 

Quattro squadre dei pompieri sono impegnate nelle operazioni di messa in sicurezza e spegnimento delle fiamme. L’esplosione potrebbe essere stata provocata da una perdita di gas all’interno dell’abitazione ma è un’ipotesi tutta da accertare. Intanto mentre proseguono le operazioni di messa in sicurezza dell’abitazione ormai distrutta, si continua a scavare tra le macerie. Non risultano altri feriti. Sul posto anche i vigili urbano di Ciampino

 

Ti potrebbe interessare anche: Casamonica, c’è chi dice no: il caso del parroco di quartiere che si è rifiutato (a differenza del collega) di celebrare i funerali del boss

 

Pubblicato il alle ore 17:49 Ultima modifica il alle ore 11:31