Mimmo, 47 anni, il suo cuore ha smesso di battere. Lo strazio degli amici

Roma, un tragico incidente strappa via per sempre la sua vita. È accaduto a piazza Epiro, all’altezza dell’intersezione con via Mauritania. Domenico Proto, conosciuto da tutti come Mimmo il tabaccaio, viene investito da una Smart. Gravi  le lesioni riportate e per Mimmo nulla da fare, nonostante il pronto intervento dei soccorsi precipitati poi in codice rosso al San Giovanni.

Alla guida della Smart un uomo di 60 anni, quando Domenico Proto, 47 anni, stava attraversando la strada all’altezza dell’incrocio con via Mauritania. Da una prima ricostruzione da parte della polizia locale di Roma Capitale del VII Gruppo Appio, Domenico stava per attraversare, probabilmente  sulle strisce pedonali, quando il veicolo lo ha colpito. Sarebbe stato il 60enne a dare subito l’allarme. (Continua a leggere dopo la foto).


Si è dunque fermato provando a prestare soccorso a Domenico, steso sul mando stradale. La chiamata al Numero Unico delle Emergenze 112 ha permesso all’ambulanza di raggiungere il luogo dell’incidente in poco tempa, ma per Mimmo nulla da fare. Trasportato in codice rosso presso l’ospedale San Giovanni, l’uomo versava in condizioni di salute parse fin da subito molto gravi. (Continua a leggere dopo la foto).

Gli agenti provano ancora a restituire la puntuale dinamica dell’incidente, sottoponendo il conducente della Smart  ai test per la verifica di alcol e droga nel sangue e ponendo la vettura sotto sequestro, come da prassi. Il 60enne è risultato negativo ai test. Il quartiere si è stretto intorno al dolore della famiglia. Su Facebook i residenti annunciano: “Domenica pomeriggio alle 18 saremo a piazza Epiro per commemorare ancora una vittima della strada”. (Continua a leggere dopo le foto).

Mimmo era conosciuto da tutti nel quartiere sia perchè titolare di un tabacchi sulla piazza, ma anche per il suo instancabile sorriso. Tanti i messaggi che lo ricordano: “C’era lui con il suo sorriso e la sua educazione, ogni volta che entravo. Davvero da ammirare”, scrive Flavia F.. E ancora: “Ti ho visto giovedi e abbiamo scherzato insieme rimarrai sempre nel mio cuore”, Giuseppe B. “Ora sarai al fianco di tua mamma”, scrivono in tanti. Mamma di Proto che era mancata da poco e alla quale l’uomo, come testimonia il suo profilo appariva molto legato. “La vita di una bella persona è stata cancellata in un attimo. Una famiglia è caduta nella disperazione per una tragedia assurda”, conclude Massimo R. .

Luisa non ce l’ha fatta. Vinta dal male a 40 anni, ha lottato come una leonessa