Abbandona bimbo di 1 anno alla stazione: caccia alla mamma

Siamo nella capitale: è qui che un bimbo di appena un anno è stato abbandonato nel suo passeggino nei pressi della stazione Termini di Roma, precisamente all’incrocio tra via Principe Amedeo e via Carlo Cattaneo. Il piccolo è stato accompagnato lì da una ragazza, stando alle riprese effettuate dalle telecamere di sicurezza installate in zona, era vestita con un giubbotto nero con un cappuccio alzato sulla testa e le scarpe bianche.

Si sarebbe diretta verso la stazione Termini e aveva una bimba di circa tre anni in braccio. Al momento non è stata ancora rintracciata e la sua identità resta ignota. Sconosciuti anche i motivi del gesto. La carrozzina sarebbe stata lasciata in via Principe Amedeo poco lontano dal terminal della stazione dai capolinea di alcuni bus. Il piccolo era sistemato in un passeggino e aveva una coperta. (Continua a leggere dopo la foto)


Il fatto è avvenuto nel tardo pomeriggio di oggi, 27 febbraio, praticamente nell’ora di punta, quando in strada c’erano centinaia di persone. A trovare il passeggino è stata una passante che, incuriosita, si è avvicinata e ha dato immediatamente l’allarme alle forze dell’ordine. (Continua a leggere dopo la foto)

Sul posto gli uomini del commissariato Esquilino, che hanno provveduto a prendersi cura del bimbo. Il piccolo, che dormiva quando è stato notato dalla passante, sarebbe in buone condizioni di salute, ma è stato accompagnato per sicurezza all’ospedale Bambino Gesù di Roma. Stando a quanto si apprende, sarebbe ben nutrito e risponde a tutti gli stimoli. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}
Già attivati i servizi sociali che si prenderanno cura del bimbo. Sul posto anche gli agenti della polizia ferroviaria e gli agenti della polizia scientifica. Vana anche la chiamata al 112 del direttore di un supermercato nella vicina via Gioberti, certo di aver visto una donna molto simile a quella descritta da alcuni testimoni mentre si allontanava lasciando incustodita la carrozzina.

Ti potrebbe anche interessare: Coronavirus, i ricercatori italiani ce l’hanno fatta: isolato il ceppo