“Arrestato il cugino”. Giallo della 18enne scomparsa, svolta nelle indagini. L’accusa è di omicidio

Scomparsa di Saman Abbas, nuovi risvolti sul caso. La 18enne di origini pakistane ha fatto di tutto per opporsi alla volontà della famiglia di darla in sposa a un uomo che non amava. Dopo aver persino denunciato i genitori e dopo aver preso le distanze dal nucleo familiare, scoppia lo strano caso della scomparsa. Due le piste di indagine: Saman si è data alla fuga all’Estero oppure è stata uccisa.

L’ipotesi che possa trattarsi di omicidio e di occultamento di cadavere ha iniziato a prendere spazio e fondatezza alla luce delle immagini restituite dal circuito di videosorveglianza. Le immagini sono riferite al 29 aprile scorso. Sono tre le sagome che in video appaiono spostarsi a piedi, armati di due pale, un piede di porco, un secchio e del telo plastificato. Tutto alle 19.15, orario di lavoro insolito, come riferito da Ivan Bartoli, padrone dell’abitazione e datore di lavoro di Shabbar Abbas.

Reggio Emilia Saman Abbas scomparsa arresto cugino

Secondo gli inquirenti, le tre sagome sarebbero riferite a quelle dei due cugini di Saman e del padre, ad oggi indagati e i cui nomi sono stati inseriti nel fascicolo aperto in procura a Reggio Emilia dalla pm Laura Galli. Estenuanti le ricerche nei campi e nei pozzi nelle aree limitrofe all’azienda e al contempo sopraggiunge oggi la notizia di un importante passo in più per la risoluzione del caso della giovane scomparsa dalla provincia di Reggio Emilia.


Reggio Emilia Saman Abbas scomparsa arresto cugino

Arrestato in Francia uno dei cugini di Saman, con l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere e questo mentre la famiglia di Saman ha abbandonato repentinamente l’Italia senza dare alcun preavviso, per fare ritorno in Pakistan e prestare assistenza a un parente malato. Al contempo, setacciati i campi che circondano l’abitazione con il presupposto di poter trovare il corpo senza vita della giovane.

Reggio Emilia Saman Abbas scomparsa arresto cugino
Reggio Emilia Saman Abbas scomparsa arresto cugino

E tornano alla mente anche le parole del padre della 18enne scomparsa, Shabbar Abbas, il cu nome è tra gli indagati di omicidio: “Mia figlia Saman sta bene. L’ho sentita l’altro ieri, è viva ed è in Belgio”, aveva detto a poche ore dalla denuncia della scomparsa: “Il 10 giugno farò ritorno in Italia e spiegherò tutto ai carabinieri. E si apprende su Fanpage.it che “l’uomo è stato raggiunto telefonicamente dal Resto del Carlino di Reggio Emilia. Si trova in Pakistan ormai dall’inizio di maggio. I primi a lasciare l’Italia sono stati i genitori di Saman, seguiti poi dal resto della famiglia che ha abbandonato l’Emilia pochi giorni dopo”.

Pubblicato il alle ore 11:04 Ultima modifica il alle ore 11:04