Massacrata di coltellate in casa dal marito, Angelica è l’ennesima vittima di femminicidio

Una donna di 60 anni, Angelica Salis, è stata uccisa questo pomeriggio a coltellate dal marito, Paolo Randaccio. Il nuovo femminicidio è avvenuto in una abitazione di Quartucciu, in provincia di Cagliari. All’origine ci sarebbe una violenta lite tra i due coniugi. I militari hanno scoperto il cadavere della donna e trovato il marito che li attendeva e che è stato sottoposto a controlli in ospedale. Sarebbe stato l’uomo a chiamare subito i carabinieri, sul posto è barricata anche un’ambulanza.


Inutili, purtroppo, i soccorsi. La coppia ha tre figli, due femmine e un maschio, che non vivono a Quartucciu. L’omicida si trova nella caserma dei carabinieri di Quartu Sant’Elena. Sul luogo del delitto in azione la Scientifica, oltre il nastro biancorosso posizionato dai carabinieri tantissimi quartuccesi, tutti choccati per quanto accaduto.

omicidio angelica salis


Il femminicidio sarebbe avvenuto al termine di una lite. Da quanto si apprende la donna da tempo soffriva di depressione. Il 7 settembre Piera Muresu, 48enne di Sennori, nel Sassarese, è arrivata all’ospedale Santissima Annunziata di Sassari dopo essere stata soccorsa dai sanitari del 118, colpita da due proiettili. A sparare era stato il fidanzato Adriano Piroddu, 42enne sempre di Sennori, che l’aveva colpita al collo e al torace. Uno ha raggiunto un polmone perforandolo.


omicidio angelica salis
Femminicidio a Quartucciu

Per salvarle la vita i medici hanno sottoposto la donna a un intervento chirurgico nella notte tra martedì e mercoledì. Dopo il tentato femminicidio, Piroddu si è impiccato. Dall’inizio della pandemia in Europa si è manifestato un preoccupante aumento degli episodi di violenza sulle donne, e il fenomeno ha coinvolto anche l’Italia. Nel contesto del lockdown le famiglie sono state più a stretto contatto e hanno trascorso più tempo assieme, aumentando così il rischio che le donne e i figli siano esposti alla violenza soprattutto se in famiglia vi sono gravi perdite economiche o di lavoro.

omicidio angelica salis


Man mano che le risorse economiche diventano più scarse, possono aumentare anche forme di abuso, di potere e di controllo da parte del partner. Nel 2020, spiega il Ministero della Salute, le chiamate al 1522 sono aumentate del 79,5% rispetto al 2019, sia per telefono, sia via chat (+71%). Il boom di chiamate si è avuto a partire da fine marzo 2020, in piena emergenza Covid-19, con picchi ad aprile (+176,9% rispetto allo stesso mese del 2019) e a maggio (+182,2 rispetto a maggio 2019).

Pubblicato il alle ore 21:01 Ultima modifica il alle ore 21:01