Esplosione nella centrale elettrica: prima il forte boato, poi il blackout

Una fortissima esplosione ha provocato l’incendio nella centrale elettrica di via Fascione, a Pozzuoli, comune italiano di 80mila abitanti della città metropolitana di Napoli, in Campania, precisamente nei pressi del Comprensorio Olivetti. L’incendio si è verificato intorno alla mezzanotte tra mercoledì 6 e giovedì 7 maggio 2020.

Il forte boato è stato avvertito in tutta la zona e il momento dell’esplosione è stato filmato in diretta da un giovane motociclista di Pozzuoli, Giuseppe Caparro, che percorreva quella strada proprio mentre è avvenuto il boato. Il motociclista ha pubblicato le immagini riprese dalla telecamera montata sul proprio casco sul suo profilo Facebook. (Continua a leggere dopo la foto)


L’incendio è stato accompagnato da una forte esplosione e da un blackout elettrico che ha interessato gran parte della città di Pozzuoli. Tra i residenti c’è stata tanta paura. Molti, infatti, sono stati svegliati dal forte boato in piena notte. Le fiamme hanno interessato la centrale e una densa nube di fumo nero è stata visibile a centinaia di metri dal luogo. (Continua a leggere dopo la foto)

Sul posto sono intervenute le squadre dei vigili del fuoco, i carabinieri, la polizia municipale e i tecnici dell’Enel. Il lavoro di spegnimento dell’incendio è andato avanti per tutta la notte. Per le squadre del 115 è stato difficile domare le fiamme, che hanno interessato un trasformatore collegato ai serbatoi dell’olio. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

Solo pochi giorni fa, sempre in provincia di Napoli, si era verificata una forte esplosione con conseguente incendio che aveva distrutto parte dell’azienda Adler. Il boato esa stato avvertito in una vastissima area, preoccupando gli abitanti del piccolo centro campano. Si era sentito anche nel vicino comune di San Giuseppe Vesuviano e in quelli al confine del Nolano.

Fuga di gas da una fabbrica: 10 morti. “La gente sviene per strada”