Paolo Batello morto prof

Dramma a scuola, prof Paolo muore in classe. Studenti sotto choc: cosa è successo

Un lutto che ha sconvolto un’intera comunità. Siamo nella scuola media di Tarcento (Udine). Qui, all’interno di una classe, Paolo Batello un professore di 62 anni è morto per un infarto poco prima dell’arrivo degli alunni. Gli allievi, che stavano per entrare in aula, sono stati bloccati nel corridoio dai collaboratori scolastici che per primi si erano accorti del malore che aveva colpito il docente e lo stavano soccorrendo in attesa del personale sanitario. Naturalmente è stato subito dato l’allarme e sul posto sono arrivati i soccorsi inviati dalla centrale Sores Fvg.

Tuttavia, nonostante il prodigarsi dei sanitari, non c’è stato nulla da fare per Paolo Batello. Sono intervenuti anche i carabinieri della stazione di Cividale. Un velo di tristezza e sgomento è sceso sulla scuola tarcentina.
Sulla scorta della relazione del medico legale è stato dato il nullaosta per la rimozione della salma. Tanti i messaggi di cordoglio postati sui social da amici, colleghi e ex alunni che ringraziano il professore per gli insegnamenti scolastici e di vita. Un uomo eccezionale, ricordano tutti.

Paolo Batello morto prof

“Le persone come Lui non muoiono per sempre, solo si allontanano. Lo sentiremo sempre nel nostro cuore”, scrivono gli alunni di una seconda di Paolo Batello. “Una persona speciale oltre che un professore splendido, con il quale si avere un rispetto pur essendo amici”.


Paolo Batello morto prof

E ancora: “Quando ci raccontava le sue storie da giovane, quando spiegava le tavole di disegno tecnico – ricorda un’altra alunna – chiaro e coinciso, oppure i lavori pratici come la clessidra, ma purtroppo il tempo non è bastato”. Saluta il professore anche il Gemona basket dove Paolo Batello aveva allenato le giovanili: “Ci ha lasciato un’anima dedita alla pallacanestro gemonese”.

Paolo Batello morto prof

I funerali saranno celebrati sabato 23 ottobre alle 15 nel duomo di Gemona del Friuli dove viveva. Paolo Batello, che non era sposato e non aveva figli, lascia il fratello Andrea. Abitava a Gemona e ha insegnato nelle scuole di don Villa a Tarcento.

Pubblicato il alle ore 11:06 Ultima modifica il alle ore 12:40